Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Qualche consiglio su come conservare

scritto da fradefra

La corretta conservazione dei cibi è un argomento sul quale troppi soprassiedono allegramente, con la convinzione che basti mettere tutto in frigorifero per aver fatto il passibile. Ovvio che non è così, quindi ho deciso di darvi qualche consiglio, senza la pretesa di scrivervi un corso online. Questi sono alcuni dei temi che trattiamo nel corso sulla conservazione dei cibi del 20 ottobre 2010.

Iniziamo con la piccola carellata, se vi resta qualche dubbio avete i commenti, scriveteci le vostre domande. Nei limiti delle nostre conoscenze, vi risponderemo e dove servirà, chiameremo i nostri consulenti.

Mettere in frigorifero è un buon inizio, dicevamo, ma non è tutto. Importante è che non vi si lasci mai nulla di aperto. Ogni cibo cotto o materia prima o semilavorato deve esservi riposto in contenitori chiusi o in ciotole coperte da pellicola trasparente o avvolti nel materiale più indicato, secondo i casi.

Quando possibile, frutta e verdura deve essere lavata ed asciugata, prima di essere posta in frigorifero. Che senso ha portare batteri nel luogo destinato alla conservazione? Lavate prima, invece che dopo.

Ogni alimento ha il suo materiale più adatto per esservi avvolto. Ad esempio, cibi grassi non andrebbero mai nella pellicola trasparente, che è attaccabile proprio dai grassi.

Il sottovuoto raddoppia il tempo di conservazione di quasi tutti gli alimenti. Fosse per me, lo renderei obbligatorio per legge. Se avete modo di comprare una macchinetta per il sottovuoto, sarà un investimento in salute, oltre che economico. Fatelo senza scrupoli, non son soldi buttati.

Anche se apparentemente pulito, il frigorifero va periodicamente lavato, disinfestato, risciacquato, asciugato. Una volta al mese ci sta tutta. Esistono appositi prodotti, specialmente per la sanificazione (detergente e antibatterici).

Conservate i cibi dall'alto al basso secondo il livello di pulizia e contaminazione. Le cose più pulite, i cibi cotti ed in generale ciò che non dovrebbe avere batteri, stanno sui piani superiori, poi si scende aumentando la contaminazione e diminuendo il livello di pulizia.

Verdure che non avete potuto lavare, vanno rigorosamente separati e chiusi, per evitare la contaminazione del resto. Questo è fondamentale.

Se prima di metterle in frigorifero, le uova le tenete dieci minuti in acqua e Amuchina o altro prodotto simile, non potrete che guadagnarci. Non tanto per la contaminazione delle uova, ma per evitare che loro contamino il resto.

Via dal frigorifero confezioni e cartoni, quando possibile. Che senso ha portarsi dietro acari e polveri?

Nei ristoranti ci pensa la ASL ed i NAS a renderlo obbligatorio, ma anche a casa vostra non scordate di mettere sui contenitori un'etichettina con il nome e la data di preparazione del cibo o della base.

Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter