Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Preparare la salsa d'arrosto

scritto da fradefra

La salsa per l'arrosto, nel casseruolino in cui ho completato la sua cottura.Durante il corso sugli arrosti e quello sulla carne, a volte uno degli esercizi è la preparazione della salsa con cui nappare le fette sul piatto, ricavata direttamente con il fondo di cottura costituito per lo più da sangue caramellato sulla rostiera.

Purtroppo la salsa per l'arrosto non ha una precisa ricetta, perché il fondo che si impiega non è mai lo stesso. Dipende dal taglio che si è impiegato, da come si è cotto il tutto, dalla marinatura che si era effettuata. Ci si regola mediante assaggi progressivi, con un po' di allenamento e molta sensibilità.

Attrezzatevi con molti cucchiaini, quindi, perché durante la preparazione assaggerete molte volte, cambiandoli continuamente.

Se volete fare una prova, potete comprare un pezzo di biancostato,  farlo a pezzetti (o riciclare qualche avanzo), cuocere su un fornello girando ogni due o tre minuti, sino a quando la carne non ha acquisito un colore marrone intenso, quasi nero, ma non carbonizzato.

Iniziamo? 

Si comincia deglassando il fondo. In sostanza, prendete la rostiera ed eliminate  tutto l'olio o il grasso che residuo della cottura, facendolo colare nel lavandino. Tutto, senza pietà. Il sapore della salsa non è in quest'olio, come pensano molti, che invece rovina il fegato e null'altro. Il vero sapore, quello buono e profumato, è nel sangue caramellato sullo strumento di cottura.

Si può proseguire solo se i residui sono scuri, anche molto e quasi neri, ma non carbonizzati. Se qualche parte lo è, tentate di rimuoverla meccanicamente con un cucchiaio o una spatola metallica, togliendo bene ogni pezzo. In alternativa potrete lavorare solo la parte non carbonizzata, tentando nella fase successiva di non trattare quelle che invece lo sono. Se invece le parti carbonizzate sono troppo estese, non c'è nulla da fare, stavolta non potrete fare questa salsa. Da cui un trucco: tenete sempre gli ingredienti per una salsa di riserva o comprate una buona bernese, che non è mai fuori luogo.

Aggiungete 100 ml di Porto o un vino rosso di struttura o del Rum o Cognac o Brandy. Con il primo avrete una salsa tendente leggermente al dolce, con il vino rosso risulterà più leggera, coi superalcolici ne avrete il profumo caratteristico. Quando cucino per persone che non conosco, uso sempre il Porto perché mi dà un risultato equilibrato e gradito a tutti. Fate cuocere grattando bene i residui caramellati e facendoli sciogliere. Assaggiate varie volte e fermate il tutto quando la parte vinosa risulta equilibrata rispetto al sapore della carne e l'alcol del tutto assente.

Se volete ampliare lo spettro dei profumi e del gusto, potete a questo punto aggiungere 100 ml di succo di arancia,  rossa se volete tenere scura la salsa, chiara se volete schiarirla un po'. Assaggiate subito, valutate l'apporto, probabilmente dal sapore eccessivamente arancioso, cuocete per qualche decina di secondi sino a quando l'assaggio non vi dia un sapore equilibrato. L'arancia si deve sentire pochissimo, quasi nulla. Questa fase è opzionale, comunque, dipende dai gusti e da cosa volete accompagnare. Provate una volta con ed una senza.

Aggiungete 100 g di fondo bruno, amalgamatelo con la salsa ed assaggiate subito. Non si deve notare il sapore bruciato o tostato della carne derivante da qualche parte quasi carbonizzata, la salsa non deve risultare salata, il fondo bruno non deve essere eccessivamente presente. A questo punto cuocete per qualche minuto ancora, sino ad arrivare al punto di equilibrio. Non badate al fatto che la salsa risulti lenta (eccessivamente liquida), questo lo risolveremo in altro modo. Valutate il gusto ed il sale. Per inciso, di sale non c'è mai da aggiungerne, ma quasi sempre è da diluire. Se vi pare eccessivamente gustosa o tendente al salato (forse in questo caso sarebbe più corretto parlare di sapido), aggiungete ulteriore fondo bruno, poco per volta.  

Questo è il momento della panna liquida o del latte. Se volete schiarire leggermente, aggiungete un cucchiaio di latte. Usate la panna se volete anche addolcire leggermente ed ammorbidire. La panna inoltre renderà leggermente più densa la salsa. Questa fase diluisce ulteriormente la sensazione di sapidità. Assaggiate varie volte, valutando sapore e colore.

Arrivati al sapore desiderato, quasi sempre la salsa è troppo lenta (cioè liquida). Se ne avete una quantità considerevole ed avete ancora una decina di minuti prima del servizio, potete semplicemente ridurla continuando a cuocerla. Attenti a non farla attaccare o bruciare. Se invece la quantità non è sufficiente per consentire che si addensi mediante riduzione, passate alla fase successiva.

Per addensare la salsa, avete a disposizione parecchi metodi ed ogni cuoco, in funzione del tipo di cucina che propone nel suo ristorante, del gusto dei sui clienti e delle sue stesse abitudini operative, solitamente usa un paio di sistemi. Potete aggiungere beurre manié (burro e farina), Roux chiaro o scuro, semplice farina, o anche amido di mais (maizena), tapioca, amido di frumento o fecola di patate, Agar-Agar, Alginato di Sodio (E401) o colla di pesce. Ognuno di questi sistemi porterà ad un risultato sottilmente diverso in termini di gusto, ma soprattutto di consistenza. Roux, beurre manié e farina vi lasciano un leggero fondo di quest'ultima che molti in bocca percepiscono. Gli amidi hanno sempre un proprio leggerissimo sapore che ricorda la farina appunto. L'Agar, l'Alginato e la colla di pesce non cambiano il sapore della salsa, danno un aspetto lucido e leggermente tendente al gelatinoso (poco poco, non preoccupatevi), ma hanno bisogno di una decina di minuti per fare effetto.

Filtrate sempre, in modo da avere una salsa liscia, pulita, lucida. Se la volete molto stretta, filtratela prima di addensarla, altrimenti potete farlo anche dopo.

Un attimo prima di servirla, aggiungete una nocciola di burro freddissimo, mettete qualche istante sul fuoco e girate. Renderete al salsa ancora più lucida. Non scaldate eccessivamente, l'effetto si perderebbe.

Concludo fornendovi le mie preferenze di massima, ovviamente poi spesso cambio, ma tanto perché abbiate un punto di partenza. Io solitamente inizio col Porto o in alternativa il Brandy. Uso il vino rosso solo se non  ho i primi due. Il succo di arancia lo aggiungo sempre, se lo ho, il fondo bruno è scontato, non mi manca mai in congelatore, un cucchiaio di panna fresca liquida, anche solo per schiarire un attimo, lo metto sempre. Riduco sempre tramite cottura, per avere poi bisogno di addensare il meno possibile. Quando devo, tendo ad usare il beurre manié o l'Alginato di Sodio (che ha un leggero sapore di pollo, appena appena, quindi in questa salsa ci sta bene).

Tag: | |

Commenti

non ho capito niente!! in parole povere per non addetti ai lavori?? Faccio cuocere arrosto, lo faccio quasi bruciare, tolgo la carne, prendo quanto rimasto attaccato alla pentola (e se uso una antiaderente?) e poi procedo? aiuto aiuto!! grazie inb anticipo

Scritto da:  grazia   | 21.12.10 21:10
---------------------------------------

No Grazia, non devi far bruciare l'arrosto!
Devi far crostificare dei pezzetti di carne da buttare in modo che si formi sulla placca del caramello. L'antiaderente non devi usarlo.

Cosa non capisci? Altrimenti come risposta ti devo riscrivere tutto quello che ho già scritto :)

Scritto da:  fradefra - cuoco corsi di cucina maisazi   | 23.12.10 14:04
---------------------------------------

Buongiorno, vorrei sapere come fare un fondo di cottura , qualora dovessi fare l arrosto e non ho abbastanza fondo per servire nel piatto

Scritto da:  rosa   | 11.01.12 19:41
---------------------------------------

Guarda, il trucco più semplice, Rosa, è usare tutte le parti che togli dall'arrosto per pareggiarlo e sgrassarlo (e se non bastano, compra qualche pezzetto di carne in più) e caramellare questi su una placca separata, in modo da generarti un po' di fondo a parte :)

Scritto da:  fradefra - chef corsi di cucina maisazi   | 12.01.12 08:08
---------------------------------------

Ottima e accurata spiegazione.

Scritto da:  saverio   | 20.02.12 18:36
---------------------------------------

Ho preparato un arrosto al vino rosso (CORVO). Per la salsa, ho frullato le verdure + le erbe aromatiche che ho usato x la base della ricetta (rigorosamente soffritte in olio evo), ho aggiunto il fondo di cottura, ridotto all'osso, ma... nonostante tutto, avverto, ancora intenso, l'aroma del vino che sale alle narici, eppure sono stata ore ed ore a farlo evaporare, dopo aver messo da parte la carne. Cosa devo fare x rendere più gustosa, più dolce la salsa dell'arrosto al vino rosso?
GRAZIE!
Cordialità
Paola

Scritto da:  Paola   | 10.03.12 18:27
---------------------------------------

Paola, la cosa migliore è che tu lo metta diluito sin dall'inizio, quando fai l'arrosto. Se la carne prende troppo odore e sapore di vino, non li perde più.

Scritto da:  fradefra - Chef dei corsi di cucina   | 10.03.12 18:54
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter