Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Preparazione dello strutto

scritto da fradefra

Grasso di maiale a cubetti in casseruola, pronto per la preparazione dello strutto.Una delle operazioni più comuni in cucina, sia domestica sia professionale, è la frittura di cibi. Ho pensato, quindi, di pubblicare la ricetta per la preparazione dello strutto, che, come molti sanno, ha un punto di fumo elevatissimo, che consente di friggere a temperature molto alte.

A dispetto del fatto che sia estremamente grasso, grazie alle alte temperature raggiunte, la frittura ne risulta leggera, dato che il tempo di preparazione è ridottissimo e grazie al fatto che la crosta esterna si produce sin dal primo contatto.

Chi ha provato, sa che i cibi fritti nello strutto risultano praticamente asciutti dopo pochi secondi.

Ovviamente non sempre è possibile usarlo, in virtù del suo sapore ed odore piuttosto marcati, che non si abbinano con ogni alimento.

Strutto e ciccioli di maiale, ottenuti dalla fusione del grasso, in una casseruola a bassa temperatura.La preparazione è semplicissima. Dal macellaio fatevi dare del grasso di maiale dalla parte del rene (al limite, ditegli che volete il grasso per lo strutto, lui capirà). Ricordatevi di chiederlo qualche giorno prima, perché non lo tengono quasi mai (spesso lo restituiscono ai fornitori, a volte lo buttano).

Togliete ogni frammento di carne, tagliate a cubetti e mettete in una casseruola, ponendo il tutto sul fuoco più basso che avete.

A questo punto vi serve solo un po' di pazienza. Possono servire anche alcune ore, ma per fortuna non c'è nulla da fare se non girarlo di tanto in tanto (ma si può anche evitare)

Abbiate pazienza, non alzate il fuoco. Più la temperature è dolce, più pulito ne risulterà lo strutto ottenuto.

Resteranno, alla fine, delle parti solide che i nonni chiamano ciccioli. Gli stessi nonni consigliano di spremerli, io vi suggerisco di lasciar perdere. Il grasso costa così poco che non vale la pena di ustionarsi per recuperare quel po' che è ancora nei cioccioli. Questi ultimi si possono riutilizzare in alcune ricette regionali. 

I crostoli che io ho fritto nello strutto durante uno dei nostri corsi di cucina.Lo strutto ponetelo in alcuni contenitori ermetici, fatelo raffreddare velocemente con un po' di acqua ghiacciata, poi mettetelo in congelatore, pronto per l'uso quando vi servirà.

Nella foto a destra vedete i crostoli che abbiamo preparato durante uno dei corsi di frittura.

Cimentatevi, una domenica, vedrete che ne sarà valsa la pena ed avrete acquisto un nuovo metodo che vi darà soddisfazione in molte situazioni.

Tag: | | |

Commenti

molto interessante Fra questo articolo sullo strutto, non sapevo si potesse fare così facilmente in casa. Lo proverò sicuramente con la frittura. A proposito, con quale cibi è consigliato friggere con lo strutto o con quali altri no?

Scritto da:  FrancescaV   | 15.07.09 17:48
---------------------------------------

Lo strutto si usa con molti dolci fritti, biscotti, ecc.
Per esempio i krapfen ed in generale i bomboloni, nello strutto vengono molto molto meglio. Li tiri fuori che sono praticamente asciutti, senza grasso in eccesso.

L'uso dello strutto, invece, non è indicato per la frittura di alimenti dal gusto delicato, che ne sarebbe irrimediabilmente coperto. Ad esempio, non mi verrebbe in mente di friggerci la tempura :)

Scritto da:  fradefra   | 16.07.09 07:18
---------------------------------------

nella ricetta si parla dello strutto avendo come prodoto dase il grasso che circonda i reni.
quel grasso e' talmente delicato che non solidifica mai(a meno che non lo congeli)oggi e' quasi introvabile perche viene usato nella produzione di creme per il corpo.

Scritto da:  corvoleone   | 07.12.10 20:28
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter