Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

L'italica Panarea, perla delle Eolie

scritto da fradefra

Dopo aver visitato Lipari e Vulcano, stavolta partendo dal porto turistico di Portorosa, siamo arrivati a quella che abbiamo ritenuto essere la perla delle Isole Eolie, Panarea

L'ho volutamente definita italica, evitare di paragonarla ai Caraibi, perché quest'isola è così bella, che preferisco associarla all'Italia. L'Italia è bellissima e non c'è motivo di volersi sempre richiamare a luoghi esteri, quando parliamo di qualcosa che ci piace (anche se, ovviamente, anche fuori dall'Italia di posti altrettanto belli e spesso anche di più, ce ne sono molti).

Come quasi tutte le isole Eolie, anche Panarea ha una costa decisamente rocciosa. Ovviamente qualche spiaggia c'è, ma si tratta di poche centinaia di metri, per il resto è tutta scogliera.

Senza una barca, è difficile cogliere la bellezza di questi tratti di mare e della cruda pietra che scende direttamente sino all'acqua, con qualche macchia di verde. Dato che non tutti sono fortunati possessori di un mezzo marino da diporto, motore o a vela, val la pena, almeno, di organizzarsi un giro con uno dei tanti viaggi e percorsi predisposti dai locali.

Ovviamente appena scesi e baciata la terra di Panarea (Colombooooooo, l'India è quiiiii ), la mia tremenda socia pretende la sua foto, col cappellino comprato il giorno precedente a Lipari.

Detto fatto, ci accingiamo ad iniziare il nostro giro e naturalmente, cogliamo subito un aspetto divertente: un ristorante porta il mio nome. Una fotografia è inevitabile

Ok, passiamo alle cose più serie, eccovi una prima veduta di alcune case di Panarea, ripresa dalla piazza alla quale si arriva dal pontile. Molte costruzioni qui sono proprio fatte in questo modo, abbracciate alla roccia delle colline, in mezzo al verde ed al marrone, con un sovrastante cielo dal blu intenso.

Una bellissima macchia di colore, in cui il bianco candido delle case spicca romanticamente.

Il bianco ed il blu sono i colori principali delle costruzioni. Tempo fa leggevo che secondo antiche tradizioni, il blu fa scappar via le zanzare. Il blu in effetti è tipico di molte isole e coste mediterranee (e non solo). Lo troviamo in Grecia, in Spagna, in Egitto ed in parecchi altri posti.

Questo portoncino mi piaceva molto, senza che avesse nulla di particolare, salvo il suo inserimento in un contesto carino.

Ed eccovi una tipica casa di Panarea, appunto nel candido bianco con parti blu. Ne abbiamo viste molte (e tante altre anche a Stromboli), vi pubblico questa foto perché questa casetta d'angolo mi aveva colpito per l'eleganza della sua semplicità e pulizia delle forme.

Prima di passare al panorama, eccovi una veduta più estesa del paesino. Durante la bassa stagione a Panarea abitano circa 200 persone (così ci ha detto una ragazza del posto). Il paesino è delizioso, credetemi 

Quella mattina c'era traffico perché era il giorno dei rifornimenti, ovunque c'era gente che caricava e scaricava. Più avanti vedete gli originali mezzi di locomozione.

Ed eccovi un primo esempio di mare visto da Panarea. Una terrazza di un albergo, nella parte più alta del paese.

La seconda, a sinistra, è la foto di un scorcio secondo me bellissimo, visto da una delle piccole strade. Lo scoglio antistante è stupendo, incorniciato dal verde degli alberi, tra i due blu del cielo e del mare.

Prima di chiudere, non posso non mostrarvi come gli isolani ed i turisti si spostano. Nella foto vedete tre persone viaggiare (oltre al conducente) su un'Ape Piaggio. Situazione divertente alla quale ci si abitua presto.

Ed eccovene una ferma in strada. Il colore ne mostra chiaramente la sua vocazione sportiva. Freni a disco, ammortizzatori dell'ultima generazione di derivazione dalla F1, cambio sincronizzato Porsche, climatizzazione ecologica, GPS per la localizzazione spazio-temporale

Ok, è domenica, chiudo, mi vesto e vado a far colazione 

Tag: | | |

Commenti

Per inciso, se volete vedere le altre foto, potete andare su Facebook sull'apposito l'album L'Italiaca Panarea che ho appena creato.

Scritto da:  fradefra   | 26.07.09 12:18
---------------------------------------

strano che non ci siamo incrociati...sono appena stata nelle eolie!!

Scritto da:  Irene   | 13.08.09 11:34
---------------------------------------

Ehh, mica ci saremmo riconosciuti!
Noi ci siamo stati i primi giorni di luglio.

Scritto da:  fradefra   | 13.08.09 14:47
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter