Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Tagliolini Piave e pepe

scritto da Gioi

Per un primo alternativo e veloce, tagliolini con formaggio Piave stravecchio o pecorino di Pienza e pepe nero macinato fresco.

Vacanza! Ci siamo regalate una vacanza romana: con una mia amica abbiamo deciso di volerci un po' di bene e siamo finite a Roma per un tuffo nella storia, uno sguardo alle nostre origini e per, come dice lei, sentire entrare dai piedi le nostre radici. Lei, amante dell’arte e studiosa di araldica, palpitava per i Musei Vaticani: la guardavo davanti a sculture greco romane mentre cercava di dialogare con le statue, oppure quando,nelle stanze di Raffaello, mi raccontava dei personaggi raffiguranti "la Scuola di Atene". Mi parlava di Platone e Aristotele come fossero vissuti ieri, del pensiero di Eraclito e del rispetto della tradizione orale di Pitagora, del monte Parnaso e del dio Apollo.

Nella cappella Sistina mi raccontò dell’amicizia di Papa Giulio II, nato della Rovere, grande pontefice del Rinascimento, con Michelangelo e delle opere che lo stesso creò su ordinazione di Giulio II. Oltre al rifacimento della volta della Cappella Sistina gli commissionò il proprio monumento funebre e Michelangelo scolpì la Statua del Mosé che andò a far parte del gruppo marmoreo della tomba del papa, una statua di tale bellezza da lasciare intimoriti. Giulio II però non fu mai sepolto nella tomba di Michelangelo a San Pietro in Vincoli, ma fu sepolto nella Basilica di San Pietro, senza alcun monumento funebre.

Con gli occhi pieni di bellezze inestimabili siamo uscite più di 5 ore dopo affamate e un'osteria romana in Trastevere ci ha ristorate con un piatto di spettacolari tagliolini Cacio e pepe che appena a casa ho ricreato, ma con il "cacio" della mia terra di origine.

Ingredienti:

  • 400 gr.di tagliolini
  • 200 gr.di formaggio Parmigiano grattugiato
  • 200 gr. di formaggio Piave stravecchio grattugiato (oppure Pecorino di Pienza)
  • abbondante pepe nero macinato fresco
  • 2 cucchiai di olio

Procedimento:

Con il Parmigiano grattugiato preparare 4 cestini croccanti facendo sciogliere in un pentolino antiaderente, 2/3 cucchiai di grana e distribuendolo bene : il formaggio deve sciogliersi e colorarsi, senza però seccare troppo, altrimenti si rompe. Quando è sciolto e dorato, ma ancora malleabile, versare il piccolo disco che si è formato su di una scodella ricoperta di carta di alluminio e darle la forma di un piccolo cestino e lasciare raffreddare.

Cuocere la pasta e nel frattempo mettere in una terrina il formaggio Piave grattugiato e aggiungere un po' di acqua di cottura della pasta, emulsionando bene il tutto fino ad ottenere una crema.

Mettere l'olio e il pepe in una pentola salta pasta e scaldarlo.

Scolare la pasta un paio di minuti prima della cottura (tenendo da parte un po' dell'acqua di cottura) e buttarla nella padella con l'olio versandovi sopra anche la crema di formaggio.

Mantecare bene la pasta in modo che gli ingredienti leghino molto bene insieme, aggiungendo altra acqua di cottura; la pasta rilascerà l'amido che si avvolgerà con la crema di formaggio creandone la caratteristica cremosità.

Servire i tagliolini caldissimi, nei cestini di grana, spolverizzati di altro formaggio e ancora pepe nero macinato.


Abbinamento:

Un vino mi viene in mente per questo piatto profumato: un Lambrusco Grasparossa di Castelvetro, dal corpo pieno ed intenso, un rosso dal colore rubino profumato di frutta che, grazie a coerenti e lente fermentazioni regala una spiccata morbidezza, restando asciutto, leggero e non stucchevole.

Commenti

I musei vaticani sono davvero spettacolari, l'unico difetto è che non vedi l'ora di arrivare alla Cappella Sistina e magari ti godi un po' meno quello che c'è prima. Inoltre, nella Cappella Sistina c'è un bel freschino, mentre nelle altre sale no e in Agosto fa davvero caldo.

Bella l'idea del gestino di grana :)

Scritto da:  copertina75   | 16.08.08 09:06
---------------------------------------

Dovrebbero creare lungo il percorso dei piccoli "salottini da riposo"...sarebbero sempre full! ;D
anche per noi il caldo è stato il solo lato negativo, ma la bellezza di Roma ripaga di ogni grande sudata!

Scritto da:  gioi   | 18.08.08 13:58
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter