Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Confettura di fragole

scritto da Gioi

Una confettura di fragole fatta in casa è un regalo sempre gradito.

Siamo stati abituati da piccoli a pensare alla marmellata, alla confettura in genere, spalmata sul pane al mattino con una bella tazza di caffelatte, ma il mondo gastronomico nel frattempo si è evoluto e le confetture non sono più solo per colazione: restano ottime per farcire una crostata, ma nel frattempo sono diventate eccezionali accompagnatrici di formaggi e affini.

Quando al mare, tanti anni fa, si andava ancora tutti insieme, tutti nel senso della mia numerosa famiglia, tutti i fratelli, mogli, figli, cugini, zii, nipoti, gli appartamenti sullo stesso piano del condominio e poi colazione, pranzo, merenda e cena tutti insieme a turno a casa di qualcuno.


Dicevo, quando eravamo al mare 25 anni fa, la colazione diventava un rito irrinunciabile e mostruosamente goloso. Sul tavolo arrivavano cose da ogni appartamento, chi portava la frutta, chi lo yogurt, chi i biscotti, chi le marmellate di ogni genere e specie, il caffé, il latte, il thè e così via, facendo a gara chi portava la novità. Un bel mattino, Franco mio fratello, ci ha voluti sorprendere e ha messo in tavola il formaggio. La nostra è sempre stata una famiglia all’italiana, noi facevamo colazione con caffè latte, biscotti, pane, marmellata della nonna fatta in casa, qualche frutto.

Quel giorno però lui ci ha fatto mangiare il formaggio con i biscotti: - "Provate ad assaggiare quanto è buono" - diceva e noi, che pendevamo tutti, e quando dico tutti intendo tutti, dalle sue labbra e quindi ogni sua decisione per noi era vangelo, tutti a mangiare formaggio con i biscotti. A qualcuno è piaciuto, ad altri no, ma abbiamo iniziato quel giorno ad avere il formaggio sul tavolo della colazione che inevitabilmente un giorno ha sposato la confettura della nostra mamma. E non si sono più lasciati.

Questo per invitarvi a fare questa splendida confettura, che sembra laboriosa ma che in effetti non lo è, e spalmarla su una fetta di pane abbrustolito ricoperta di mascarpone o ricotta o mescolarla a yogurt bianco, spalmarla su un pezzetto di Piave stravecchio, oppure accompagnarla a formaggi erborinati, o ancora a formaggi francesi saporiti e profumati. E poi, sapete quanto grande è la gioia di chi riceve in regalo (non solo a Natale) un vasetto di confettura fatta in casa?

P.s. Sul nostro tavolo della colazione, al mare, un bel giorno è arrivato anche il vino… e nessuno a quel punto si è stupito più di nulla!!! =))

Ingredienti:

  • 1 kg di fragole profumate
  • 400 gr di zucchero
  • il succo di mezzo limone

Procedimento:

Lavate velocemente sotto l’acqua corrente le fragole e quindi togliete loro il picciolo e asciugatele delicatamente con uno strofinaccio, quindi mettetele, intere se sono medie e tagliatele a metà se sono grandi, in una ciotola capace, copritele con lo zucchero e il succo del limone, mescolate bene e lasciatele riposare al fresco per una notte.

Il mattino seguente, scolate le fragole, mettete il loro succo in una pentola svasata (che facilita l’evaporazione dell’acqua contenuta nella frutta) e portatelo a ebollizione mescolando con un cucchiaio di legno. Quando inizierà a bollire aggiungete le fragole e fatele cuocere a fiamma vivace per 5 minuti.

Scolate nuovamente le fragole con un mestolo forato e lasciate concentrare il succo nella pentola, schiumandolo spesso per circa 10 minuti. Aggiungete le fragole, portate ad ebollizione e lasciate bollire a fuoco vivace per altri 7/8 minuti, togliendo ancora con la schiumarola la schiuma che si formerà in superficie.

Nel frattempo avrete preparato i barattoli: dopo averli lavati bene bene, metteteli nel forno caldo a 110°C perché si asciughino e teneteli lì al caldo.

Riempite fino al bordo con un mestolo i barattoli caldi con la confettura calda, facilitandovi l’operazione con l’imbuto specifico per marmellate (ha una imboccatura più larga che consente il passaggio di prodotto non esattamente liquido), quindi chiudete i coperchi, girate i barattoli sottosopra e lasciateli raffreddare inun luogo asciutto. Io preferisco mettere la confettura in barattoli piccoli, da 125 gr perché, avendo poco zucchero, non ha lunghi periodi di conservazione una volta aperto il vasetto.

Abbinamento:

Un bell'abbinamento con questa confettura è un buon vino dolce, un Vinsanto, un Sauternes, un Passito o un Recioto. Se poi viene servita con formaggi vari, magari un po’ saporiti o piccanti allora lo stesso abbinamento diventa azzeccatissimo.

Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter