Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

I muffins di Chiara

scritto da Gioi

Muffins morbidi e golosi per una merenda speciale.

Da noi il Santo Patrono si festeggia il 14 Maggio e sono i Santi Vittore e Corona. La tradizione vuole che al mattino alle 5,30 si parta dal Duomo della città per salire alla Basilica Santuario dei Santi in processione. Poi la Messa e quindi, all’ora di pranzo, tutti su per la “Rocchetta”, la piccola rocca che affianca la chiesa, per fare picnic.

Giorni prima, come da tradizione, gli uomini di Vellai vanno a falciare l’erba per preparare il piccolo colle ad ospitare i pellegrini. Canti, risa, giochi di bambini accompagnano il tempo, mescolandosi al suono gioioso delle campane che quel giorno si sbizzarriscono a festa!

Gli anni passano, la gente sul colle cambia, alcuni se ne sono andati, altri di nuovi sono arrivati, ma la storia resta, resta il piacere di mangiare “l’osacol” (cioè l'ossocollo, fatto apposta per San Vittore) col pane fresco e vino buono, seduti sul plaid che si usa per l’occasione.

Ognuno porta qualcosa, chi il pollo, chi il formaggio, chi i salumi, chi il vino, chi il dolce. Si mangia, si beve, si parla, ci si ritrova… e si apprezzano le piccole cose che la vita ogni giorno ci regala.

Ingredienti:


  • 225 gr di farina auto lievitante (oppure aggiungere alla farina normale 1 cucchiaino di lievito)

  • 80 gr di zucchero

  • 225 ml di latte

  • 1 uovo intero

  • 50 ml di olio di semi

  • mezzo cucchiaino di sale

  • essenza di mandorle

  • 1 bustina di vanillina

  • zucchero in granella

  • una scorza grattugiata di limone

Procedimento:
Accendere il forno a 180° e mentre si scalda, amalgamare con le fruste l’uovo con il latte, il sale, l’olio, l’essenza, la vanillina, quindi aggiungere lo zucchero e la farina setacciata e mescolare bene: ne deve risultare una pastella molto morbida, non liquida, ma quasi.

Preparare uno stampo da muffins con i relativi pirottini di carta inseriti e riempirli del composto per ¾ della loro capacità e spolverizzare con granella di zucchero; a piacere si possono inserire gocce di cioccolato, una fragola fresca, frutti i bosco o qualsiasi altra frutta o composta. Mettere nel forno caldo per 22 minuti e lasciarli dorare.

A cottura ultimata spegnere il forno e lasciarli con la porta aperta per altri 5 minuti, poi raffreddarli togliendoli dalla pirofila.

Abbinamento:
Ho scoperto quel giorno un vinello rosso senza pretese.

Senza pretese nel senso che fatto in casa da alcuni agricoltori amici, che hanno mischiato le loro uve, traendone un nettare che dolce non è, ma che ne ha le caratteristiche.

Dicevo che è rosso, rosso rubino, ma lo abbiamo bevuto fresco, accompagnandolo con pane, pollo freddo, formaggi e salumi. Andava giù che era un piacere. Quel giorno avevamo solo quel vino, quindi col dolce non lo abbiamo cambiato, sempre il nostro rosso rubino, che con i Muffins di Chiara si è subito inteso a meraviglia!

Commenti

Gioi, come si chiamano questi dolcetti nella tradizione locale?

Scritto da:  fradefra   | 09.06.08 11:46
---------------------------------------

Ciao Francesco,
i dolcetti sono proprio i muffin classici, non sono un dolce popolare nostro.... ma sono tanto buoni e facili da fare! :D

Scritto da:  gioi   | 11.06.08 09:27
---------------------------------------

Ah, grazie :)

Scritto da:  fradefra   | 12.06.08 10:20
---------------------------------------

gnam gnam..sembrano proprio buoni questi dolcetti!!!!
complimenti per le tue ricette!
stupisci ancora, con un'altra delle tue delizie.. :))))

Scritto da:  Giulio   | 12.06.08 12:02
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter