Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Prova del sale rosa dell'Himalaya

scritto da fradefra

Continuo la miniserie iniziata con l'articolo Breve panoramica introduttiva al sale, illustrandovi stavolta i risultati della prova del sale rosa dell'Himalaya.

Vi ho già descritto il sale dell'Himalaya nel post Mai più senza il sale dell'Himalaya e continuamente lo impieghiamo nelle nostre ricette, quindi evito qui di ripetere il tutto. Vi ricordo solo che si tratta di un sale minerale e che il colore rosa è dato dalla presenza di composti ferrosi (e non solo). Un sale bellissimo, con un gusto particolarissimo, particolarmente indicato per la carne.

Nell'articolo Il sale rosso delle Hawaii, in cui descrivevo le caratteristiche del sale marino di queste bellissime isole, ho già spiegato le motivazioni per cui ho deciso di provare il sale con una mela Renetta, una mozzarella ed i pomodori. Non sto a ripetermi, si tratta della base di questa e delle successive prove.

Se invece volete vedere come ho impiegato il sale dell'Himalaya, basta che nel box di ricerca sul blog, in basso a destra, digitiate sale himalaya.

Faccio una premessa, stavolta il sale l'ho provato nella versione macinata. Nella foto d'apertura lo vedete in cristalli, in realtà io lo macino in varie dimensioni secondo l'uso che devo farne. In alcuni casi, addirittura, lo pesto in un mortaio, per averlo irregolare.

Mozzarella - Il sale dell'Himalaya non copre, non si diffonde, si avverte in superficie, il sapore è poco uniforme. In bocca, quindi, si ha una sensazione di salato non omogenea. Può piacere o no, dipende dai gusti. Forse sulla mozzarella lo vorrei più fine, comunque non sta male.

Pomodoro - Grazie al fatto che non è salato come il sale comune, lascia maggior spazio al pomodoro, che resta vivo nella sua componente acida. Tale acidità, ovviamente, lascia meno spazio al gusto particolare del sale stesso. In sostanza, perfetto se il pomodoro vi piace, volete salarlo, ma non troppo, senza cambiarne il gusto. Non usatelo in cristalli, perché l'umido del pomodoro li scioglierebbe in breve, perdendo l'effetto estetico.

Mela Renetta - Il sale causa un contrasto che risulta quasi frizzante in bocca, forse a causa del limone di cui la mela è stata bagnata per evitare l'ossidazione. Il gusto della Renetta sembra quasi completato da questo sale, guadagnando sicuramente. Aumentando la presenza di sale, cresce questa sensazione. Delle tre prove è quella il cui risultato m'è piaciuto di più. Assolutamente da provare

Concludo con un'osservazione. Avendo assaggiato parecchi sali, provenienti da tutto il mondo, posso dire che il sale dell'Himalaya è quello più versatile, sempre di bella figura, mai fuori posto. Non ne esce mai perdente. Forse l'unico caso in cui ne eviterei l'uso è nell'acqua bollente e solo per il costo, non certo perché sia inadatto.

Non può assolutamente mancare nella cucina di un cuoco o di un appassionato dei fornelli.

Commenti

E' vero, è molto particolare e io lo uso parecchio, non toglie il sapore alle cose come di norma succede con gli altri sali, è come tornare alle origini...:D
Poi fa una gran figura nel macina sale in tavola =))

Scritto da:  gioi   | 05.05.08 18:08
---------------------------------------

L'ho provato qualche sera fa su una focaccia al rosmarino, ammetto di averla ordinata soprattutto per la curiosità di provare questo sale in cristalli, e, oltre ad una sensazione di salato delicato poco omogeneo (che mi è piaciuta molto) il primo pensiero è stato proprio come sarebbe stato sulla carne, magari alla brace. Lo proverò...

Scritto da:  Daniele Gagliardi   | 10.05.08 21:52
---------------------------------------

Non si dovrebbe mettere il sale sulla mozzarella, almeno quella buona. I casari aggiungono sale quando devono correggere sbagli di lavorazione o rieqilibrare condizione di latte al limite della scadenza e somili. In ogni caso quando la mozzarella, soprattutto quella di bufala, è particolarmente saporita, nasconde varie imperfezioni che sono state corrette con il sale.

Scritto da:  Tortue   | 18.10.08 10:58
---------------------------------------

Ciao Tortue, in questo caso, però, il sale sulla mozzarella lo mettevamo per provare il sale, non per provare la mozzarella.

Benvenuto sul blog :)

Scritto da:  fradefra   | 19.10.08 19:55
---------------------------------------

a Natale mi hanno regalato una collezione di sali speciali
vorrei dei consigli per utilizzarli al meglio. Grazie e tanti saluti

Scritto da:  maria elena   | 04.01.09 16:31
---------------------------------------

Ciao Maria Elena, purtroppo per darti qualche consiglio, bisognerebbe sapere di quali sali si tratta. Ogni sale ha il suo impiego, infatti, e non è possibile generalizzare.

Prova a darci qualche indicazione.

Scritto da:  fradefra   | 05.01.09 09:35
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter