Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Il sale rosso delle Hawaii

scritto da fradefra

Se pensavate che il sale potesse essere solo bianco o al limite rosa, beh, questo è di sicuro effetto. Si tratta del sale rosso delle Hawaii , particolare sia per il colore sia per la sua origine.

Nel post Il sale, l'oro bianco dei secoli scorsi, vi avevo detto che avremmo iniziato questa serie sul sale, però ho voluto cominciare proprio con un sale che bianco non è. Nell'articolo Breve panoramica introduttiva al sale lo vedete presentao assieme agli altri di cui scriveremo nelle prossime settimane.

Oltre che in varie ricette, abbiamo voluto provare ogni sale in tre condizioni che ne evidenziassero alcuni aspetti. Ho scelto di salare un pomodoro, una fetta di Mozzarella di Bufala ed un pezzo di mela. Il pomodoro è sicuramente un uso classico del sale, in Italia ed ha una leggera acidità e parte liquida. La mozzarella, difficile campo di misura per il suo sapore leggermente dolce evidenzia bene le differenze sia di cristallizzazione, sia di sapore. La mela è un test un po' strano, ovviamente, ma l'ho voluto perché la leggera effervescenza che si forma sulla sua superficie è particolarissima.

Sulla mozzarella il sale rosso delle Hawaii non si scioglie, non diffondendosi oltre la superficie. I cristalli si sentono sotto i denti, con un leggero fastidio. La mozzarella risulta salata solo a tratti ed in modo non omogeneo. Direi che questo non è il suo uso migliore.Vorrei provarlo dopo averlo macinato.

Sul pomodoro i cristalli si sciolgono parzialmente salando in modo più regolare, anche se non come vorremmo. Ovviamente si perde un po' l'effetto estetico. In sostanza, gli stessi problemi riscontrati con la mozzarella, anche se in modo meno accentuato. Direi che è il risultato migliore di questa batteria di prove.

Sulla mela Renetta il sale hawaiiano non si scioglie proprio, dando un contrasto eccessivo e salando in modo non gradevole, secondo me.

Va detto che questo sale, ricevuto alla conferenza stampa di presentazione del SaltExpò, è in cristalli e quindi il suo impiego in queste condizioni non è dei più favorevoli. I cristalli, comunque, sono piccoli ma ben avvertibili, a tratti con leggero fastidio. Meglio non abusarne.

La salinità è leggermente inferiore a quella del sale normale, ma in generale mi regolerei come per quest'ultimo, in termini di quantità.

Non usatelo per salare l'acqua della pasta, non captereste alcuna differenza . Meglio, invece, a crudo sugli alimenti.

Vi anticipo la foto di una ricetta in cui, invece, l'ho usato con ottimi risultati. Si tratta di un controfiletto con arancia e cornetti. Qui il sale rosso ha fatto egregiamente il suo dovere.

Concludo riservandomi ulteriori prove appena mi arrivano alcuni macinini che sto aspettando. Penso, infatti, che i risultati migliori si possano avere usandolo nella sua versione più fine.

Commenti

Scusa, ma salare un pezzo di mozzarella di bufale è un crimine che grida vendetta agli occhi si dio.

Se hai bisogno si salare la mozzarella di bufala significa che la mozzarella stessa non è degna di questo nome.

Scritto da:  Alex   | 29.09.09 15:25
---------------------------------------

Alex, se hai letto, si tratta di una prova. Non mi serve salare la mozzarella. Semmai l'inverso, la mozzarella si presta bene per evidenziare le differenze tra sale e sale.

Benvenuto sul blog :)

Scritto da:  fradefra   | 29.09.09 16:07
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter