Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

La teglia per la farinata

scritto da fradefra

Un paio di mesi fa, Marco Cilia (Tambu) e la sua ragazza Alessandra ci hanno regalato una teglia per la farinata, che in questi giorni stiamo usando in vari modi, ovviamente senza preparare la farinata , con buona pace dei nostri due amici.

Avevo voglia di proporre qualche di fuori dall'ordinario, soprattutto per l'Italia, ed al tempo stesso volevo fare una prova della teglia, così ho acquistato alcune cose con l'idea di cucinare tutto assieme o quasi.

La teglia, infatti, è in rame stagnato. Nella prima foto ne vedete il lato superiore, in questa a destra potete osservare la parte esterna inferiore, in rame martellato.

Il fatto che si sia impiegato il rame stagnato consente una migliore diffusione del calore, dato che il rame è tra i migliori conduttori termici.

L'ampia dimensione, tra l'altro, rende versatile lo strumento, che può veramente essere usato in molti modi.

Io ho iniziato con i peperoni, mettendoli direttamente su un angolo della teglia, con un fuoco basso posizionato immediatamente sotto e poco olio extravergine di oliva.

Sono partito coi peperoni perché tra le materie prime della strana ricetta, sono quelli che necessitano di maggior tempo.

Il passaggio successivo prevedeva i funghi, solo che non ho la foto, che ho dimenticato di fare.

Quindi è toccato alle cipolline. Notate che le ho messe sulla teglia senza togliere la pellicina esterna, ovviamente lavandole bene, però, e tagliando l'eccesso. Ancora una volta un goccio d'olio e la fiamma direttamente sotto. Per conduzione termica, il resto della teglia resta caldissimo, continuando lentamente la cottura degli altri cibi.

Ho tagliato a pezzetti un filetto di maiale, l'ho umettato con l'olio extravergine ed ho posto anche questo sulla teglia, ancora una volta girando quest'ultima per far sì che il fuoco fosse sotto la carne.

Notate come tengo separate le varie parti. Non voglio, infatti, che i sapori si fondano troppo. Girando, quindi, prestate un po' attenzione.

Intanto ho preparato dei paccheri, scolandoli un minuto prima di quanto la confezione indicasse. Nell'acqua avevo versato alcune gocce d'olio per aumentarne leggermente l'untuosità e consentire alla pasta di non attaccarsi.

La pasta l'ho poi posta nella parte centrale della teglia con pochissima panna da cucina a far da aggregante, ma sempre senza unire il tutto, consentendo solo agli umori di mescolarsi parzialmente.

Ed ecco come è stato presentato il piatto. Le parti sono leggermente separate, anche se la panna lega un po' i diversi ingredienti.

Come decorazione ho usato alcune fettine di funghi tagliati a crudo, un pomodorino ed un ramoscello di rosmarino che ha lo scopo di estendere i profumi della preparazione.

Chiudo con la foto di un altro esperimento, fatto il giorno dopo. Stavolta la teglia l'ho usata per preparare del pesce, sempre con lo stesso criterio.

A sinistra vedete degli scampetti interi, al centro ho posto dei tranci di ricciola, a destra vi sono dei gamberi.

Oltre all'olio extravergine, ho usato pochissimo curry.

Commenti

Va benissimo Fra, però la teglia per la farinata, me la devi usare (anche) per l'ottima farinata ligure. :-)

Ti propongo una versione con le cipolline: la farinata all'onegliese.

La trovi a questo link: http://blog.operamage.com/2007/11/la-farinata-all-onegliese/

Scritto da:  daweb   | 06.12.07 11:55
---------------------------------------

ARGH, SOFFOCO! un vero genovese non può vedere usare un TESTO (si chiama così ;) ) per la farinata per queste cose...

scherzo, usalo come meglio credi :D (però la farinata falla prima o poi :P )

Scritto da:  Tambu   | 06.12.07 11:57
---------------------------------------

DOVE SI COMPRA?????

Scritto da:  cucinatipica   | 06.12.07 11:58
---------------------------------------

onorata dell'esperimento :)
(sono alessandra!)

Scritto da:  estrellita   | 06.12.07 19:10
---------------------------------------

@Tambu: la prossima volta io e Dario al posto della Wii portiamo da Fra un po' di piade e crudo :D

Scritto da:  Daniela Trifone   | 07.12.07 11:50
---------------------------------------

Che figata!
Pero' da genovese anche io... come la farinata non ce n'e' :-)

Scritto da:  grassoz   | 07.12.07 19:52
---------------------------------------

Beh, intanto dovevo prenderci confidenza, no?
Poi non scordate che maisazi.com è prima di ogni cosa un laboratorio di sperimentazioni :)

Ci piace l'idea di suggerire nuovi utilizzi ed idee, ovviamente dopo le debite prove.

Ciaooooo

Scritto da:  fradefra   | 08.12.07 16:50
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter