Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Il sale, l'oro bianco dei secoli scorsi

scritto da fradefra

Oggi noi consideriamo il sale alla stregua di ciò che costa, nulla, invece sino al secolo XX era considerato oro bianco, tanto era raro, prezioso ed importante.

Il sale è un alimento indispensabile per gli organismi viventi, uomo incluso, e restarne privi può causare notevoli problemi. Dato che i prodotti della natura che lo contengono sono pochissimi, va assunto per aggiunta ai cibi che consumiamo.

Il sale era nei millenni passati così importante, che i soldati romani ricevevano una razione di sale giornaliera, che ha dato origine al termine di salario.

Molti di noi non sanno che molte strade che oggi usiamo (quelle che vanno e vengono dalla Francia, ad esempio) sono costruite sulle traccia di antichi percorsi nati per consentire ai muli di portare il sale dalle zone di produzione sull'Atlantico portoghese e francese verso la Liguria, il Piemonte e parte dell'Italia del Nord.

Sul sale i sovrani ci guadagnavano tassando chi lo produceva, chi lo commercializzava, chi lo spostava. Dalle tasse sul sale derivano le tasse moderne. Considerate che nel 1710 il sale aveva un prezzo di vendita al consumatore finale che era 140 volte il prezzo di vendita del produttore. Il resto erano tasse! Di ciò il popolo aveva coscienza e questa gabella era ritenuta profondamente ingiusta, al punto da scatenare varie rivolte, ad esempio nei Paesi Bassi ed in quelli che poi sarebbero diventati gli Stati Uniti ed in India. Uno dei motivi per cui anche oggi molti di noi hanno una viscerale avversione per le tasse deriva dal ricordo storico che c'è in noi a proposito delle tasse sul sale.

Oggi in Italia il sale è visto dai più come un semplice condimento, in realtà in cucina ha numerose funzioni meno chiare ed il suo uso industriale è così importante da consentire la vita di interi settori, che senza il prezioso cristallo cesserebbero di esistere.

In passato vi ho già scritto del sale rosa dell'Himalaya e del sale dell'Atlantico francese. Nei prossimi mesi vi scriverò di vari altre sali che usiamo in cucina e delle loro caratteristiche.

Tag: | |

Commenti

E ora , a parte il normale sale fino e sale grosso, quanto costano i sali!?
Ti assicuro che non sono tasse......

Scritto da:  emilio   | 22.08.07 00:03
---------------------------------------

Sì, lo so Emilio, solo che in passato era molto molto di più che oggi :-)
Buone vacanze, a proposito :-)

Scritto da:  fradefra   | 22.08.07 10:11
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter