Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

La padella antiaderente Titanio, di Ballarini

scritto da fradefra

Il motivo principale per cui avevo contattato Ballarini , parecchi mesi fa, era proprio provare questa padella antiaderente della linea Titanio. Sul loro sito mi era piaciuto l'aspetto.

Anche se in generale l'antiaderente non mi piace molto, in alcune situazioni va detto che è utile e qualche volta addirittura insostituibile. Ad esempio, è più semplice tostare cipolle o altri ortaggi ed è perfetta per fare le crêpe. Proprio per quest'ultima preparazione, l'avevo chiesta in esame.

Non sto a darvi tutte le indicazioni tecniche, meglio riportate sul sito di Ballarini, qui vi dico solo che abbiamo deciso di considerarla nostra padella antiaderente ufficiale

Di struttura solida, con un corpo in alluminio di generoso spessore, con una ricopertura antiaderente ben applicata e consistente, già in mano col suo peso dà un bel feedback. Il diametro è di 24 cm, un po' più piccola del nostro formato preferito, giustificato dal fatto che l'abbiamo voluta per le crêpe. Viene venduta assieme ad una custodia protettiva ed un coprimanico antiustioni.

Come per tutti gli strumenti di cottura ricoperti di antiaderente, è preferibile un precondizionamento al primo uso. Basta poco olio o burro, applicati a freddo o dopo aver leggermente scaldato la padella (nel nostro caso).

Quando l'usate, ricordate che tutto il pentolame con antiaderente non va mai vuoto messo sul fuoco ed in generale non deve essere impiegato per cotture a temperature altissime e prolungate. Gli antiaderenti, infatti, temono le altissime temperature più degli utensili di metallo, in quanto tendono a staccarsi dal corpo. A proposito di mestoli di metallo, la linea Titanio è progettata proprio per sopportare meglio il metallo. Secondo le indicazioni fornite assieme alla padella, si potrebbe impiegare mestoli in alluminio o acciaio. Onestamente non abbiamo fatto questa prova, un po' perché ci sarebbe spiaciuto rovinarla, un po' perché non li usiamo mai, neanche per padelle e casseruole in alluminio puro.

Beh, le crêpe ancora non le abbiamo fatte, perché usiamo spesso la crepiera della linea iLoveCooking ed in fondo siamo convinti che non serva una prova per stabilire che verranno bene . Invece siamo stati antipatici e l'abbiamo messa all'opera su cose più difficili e che forse si fanno più spesso in cucina. Per esempio, la usiamo regolarmente quando vogliamo tostare lo scalogno (per chi non lo sapesse, si chiama tostare la scottatura di un cibo senza l'impiego di grassi) o la cipolla. Il risultato è sempre perfetto, non si attacca nulla e la pulizia è pressoché immediata.

Prova ancora più severa è stata la preparazione di una salsa a base di panna fresca, che doveva ridursi del 50%, da usare come accompagnamento di un pesce affumicato. La vedete in cottura nella foto. Il risultato è stato perfetto e il vantaggio di aver potuto usare la padella antiaderente per tostare lo scalogno e poi per cuocere la salsa, ovviamente è apprezzabile. Il corpo di alluminio consente una cottura sufficientemente precisa e la struttura senza un angolo netto tra il fondo ed il bordo ha evitato ulteriormente le attaccature. La pulizia, ancora una volta, istantanea con la classica spugnetta gialla senza alcun abrasivo.

I precedenti post della serie sono:

Per inciso, questa padella avrete modo di vederla durante il Corso sugli Strumenti di Cottura e Taglio, in cui insegnamo a valutare, usare e fare la manutenzione del pentolame e dei coltelli, con esercizi su come si manteca, come si salta il cibo, come si sminuzza e sfiletta, come si affila.

------------------------------
Ballarini Paolo e Figli S.p.A. è Viale Risorgimento 3 a Rivarolo Mantovano, in provincia di Mantova. Il numero di telefono è +39 (0376) 9901. Il sito è www.ballarini.it

Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter