Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Corso di fotografia enogastronomica - giorno 1

scritto da fradefra

Cronaca semiseria del primo giorno del corso di fotografia enogastronomica, visto dalla parte degli indisciplinati allievi, macchina fotografica alla mano e piatto con l'arrosto sul tavolo.

Intanto, se vi state chiedendo cosa sia un corso di fotografia enogastronomica, vabbè, vuol dire che siete proprio tonti. Chiamasi corso di fotografia enogastronomica quel corso pensato per fotografare mangiando e bevendo, usando la bottiglia di Champagne come filtro verde, la candela come flash e la tovaglia da tavola come piano di lavoro. Capito?
Insomma, sto parlando del corso che vi ho anticipato nel post Maisazi a scuola di fotografia.

Perché cronaca semiseria? Beh, se ancora non l'avete capito, non siete solo tonti, ma anche peggio...

Inizio, insomma

Ho imparato tantissime cose, grazie a Gianluca, e la prima è che il diaframma non è un anticoncezionale, come ho sempre pensato
Non mi è chiaro, però, perché diaframmare significhi ridurre il buco (oddio, buco?) e non ci sia qualcosa per indicare l'allargamento... Fico, però, questo gergo.
Per voi che un corso non l'avete ancora seguito, diaframmando si chiude il buco, cioè si allarga il campo a fuoco. Solo che non m'è chiara la relazione tra la fotografia e l'agricoltura, dato che i campi non si arano così, e poi i campi mica vogliamo incendiarli... Boh

Poi abbiamo il tempo di esposizione al sole, che se ho capito bene brucia la pelle se stai troppo alla luce. Però mica c'avevo bisogno di un corso per saperlo, me lo diceva sempre anche mia nonna... vabbè.

Poi c'è il flash, che serve, ma che se non lo usi è meglio, ma a volte lo devi usare per forza, ma anche lì sarebbe meglio non usarlo. Che se sdiaframmi molto (questo termine l'ho appena inventato io, come contrario del diaframmare) e alzi la sensibilità (nelle baracchette che ce l'hanno) ed aumenti il tempo di presa della luce (sì, insomma, l'esposizione), allora forse la foto ti viene lo stesso, magari un po' mossa, se sei vecchio e decrepito e ti tremano le ossa

Poi c'è il cavalletto, che io ho sempre pensato si chiamasse cavalluccio e avevo idea che stesse nel mare, boh. Invece non avevo capito nulla. Il cavalletto, invece, è quello su cui si poggia il quadro, intanto che lo fotografi, chiaro no?

Altra cosa, abbiamo fatto tutto manualmente, senza robot che facessero al posto nostro, senza calcolatori che impostassero tutto, senza quegli automatismi che, diciamoci la verità, ti fanno la foto e tu che gusto hai? Almeno così puoi sbagliare in santa pace per un migliaio di volte, prima di vedere la prima foto decente

Per fortuna che esistono i programmi di fotoritocco
... a parte che m'han detto che ci vogliono due lauree e tre corsi per imparare ad usarli, quei programmi, che si fa prima ad imparare a fare le foto

Alla prossima

Commenti

Buon giorno, ho scoperto il vostro blog e mi sembra davvero interessante.
Volevo chiedere se fosse possibile inserire il link del mio sito.
Sto iniziando una nuova attività di organizzazione di piccoli o grandi (perchè no?) eventi privati e aziendali e ovviamente "sfrutterò" (he he he) le vostre risorse (ricette, come orgaizzare, abbinamento vini... ecc) come la bibbia!
Ma se potessi scrivervi anche per far conoscere un po' la mia attività non nascondo mi farebbe piacere!
Intanto vi ringrazio per tutto ciò che offrite e vi faccio i complimenti!

Scritto da:  Caterina   | 05.07.07 12:31
---------------------------------------

Si può parlarne :-)
Ti ho inviato una email.
Benvenuta sul blog :-)

Scritto da:  fradefra   | 05.07.07 12:43
---------------------------------------

Sto piangendo dalle risate :D
Meno male che non avete provato il banco ottico, la stampa con ingranditore, sviluppo/arresto/fissaggio o altri strani processi ancora più intrisi di tecnicismi :)

Scritto da:  Daniela Trifone   | 06.07.07 14:26
---------------------------------------

E' indetto un concorso di fotografia "SCATTOLEGGOMANGIO" nell'ambito della rassegna enogastronomica "De GustiBooks" che si terrà a Firenze dal 25 al 28 Ottobre.
Se siete interessati contattatemi al mio indirizzo di posta elettronica sandrinomiranda@libero.it è sarò lieto di farvi pervenire un comunicato con tutte le informazione circa il concorso.
Ciao
Alessandro

Scritto da:  alessandro   | 21.09.07 16:51
---------------------------------------

Grazie delle notizia, Alessandro e benvenuto.

Scritto da:  fradefra   | 21.09.07 18:24
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter