Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

La lavorazione del cacao

scritto da copertina75

Oggi mi sento un po' giù, quindi ho pensato di scrivere qualcosa sul cacao. Magari riesce a tirarmi sù anche il sol pensiero ;-)

Vorrei concentrarmi sulla lavorazione del cacao, lunga e complessa.
Innanzitutto occorre premettere che l'albero del cacao, chiamato Theobroma, è molto fragile, difatti non cresce ad una distanza superiore ai 1500 chilometri dall'equatore, non riesce a sopportare temperature inferiori ai 16°C ed inoltre richiede un'umidità superiore a 75-80% per tutto l'anno.
Il frutto ha una forma oblunga e cresce direttamente sul tronco e sui rami. All'interno si trovano dai 30 ai 40 semi amari immersi in una polpa dolce e succosa.

È particolare il fatto che l'unico modo per aprire i frutti sia dato dalla golosità delle scimmie. Difatti esse, per poter mangiare la polpa del cacao sono costrette a separarla dai semi amari, lasciandoli poi sul terreno.

La raccolta dei semi avviene due volte l'anno, prima e dopo la stagione delle piogge. Il frutto presenta un guscio molto duro che, per essere spaccato, ha bisogno di un colpo netto di machete.

I semi estratti, chiamati "fave", vengono fatti fermentare. Questa è una fase importante, le fave devono essere mosse ogni giorno per far si che i batteri e i lieviti, attraverso delle reazioni chimiche, eliminino in parte l'amaro presente nei semi e sviluppino gli aromi, ben oltre 500, presenti nel cacao. Il periodo della fermentazione varia dai 3 ai 6 giorni.

La fase successiva consiste nell'essiccazione delle fave, che possono essere esposte al sole oppure fatte passare attraverso flussi di aria calda. Durante questo processo le fave perdono metà del loro peso.

Dopo aver ottenuto quello che viene chiamato il "cacao verde", esso viene inviato ai compratori che dovranno controllarlo, pulirlo da eventuali impurità e spedirlo per la tostatura. Prima di essere tostate, però, le fave devono essere selezionate in base alla grandezza, perché quelle più grandi avranno bisogno di un tempo maggiore di tostatura.

Un'altra fase molto importante è la tostatura. È in questa fase, infatti, che il cacao sviluppa appieno il suo aroma. Gli operatori hanno un compito molto delicato, perché occorre tener conto di diversi fattori quali le diverse caratteristiche delle varietà di cacao, il contenuto di tannini, il grado di umidità e il tipo di prodotto che si vuole ottenere.
La temperatura può variare tra i 100 e i 150 °C. Una tostatura eccessiva rende il caco amaro, mentre una insufficiente acido e astringente.

Successivamente il cacao viene raffreddato, sgusciato, frantumato, pulito ed infine macinato.
A questo punto, sono i "maghi" delle miscele che riescono ad ottenere una sostanza che ha poco a che vedere con il prodotto grezzo. Solitamente mescolano 8-10 cacao diversi per arrivare ad ottenere una qualità costante. Quello che si ottiene è la "pasta di cacao" che è costituita per metà del suo peso di grasso di cacao.

Per ottenere il "burro di cacao" si sottopone la pasta di cacao ad un'enorme pressione e a un forte calore all'interno di cilindri. Da questa lavorazione si ottiene, oltre al burro di cacao, anche una parte meno grassa chiamata panello o torta di cacao.

Siamo arrivati ad avere un prodotto semilavorato. Infatti la successiva lavorazione sarà differente a seconda che se si desideri ottenere il cacao in polvere o il cioccolato.

Per ottenere la polvere di cacao si lavora il panello in mole fino a renderlo in grani finissimi, tali da potersi sciogliere nei liquidi, disperdendosi senza lasciare alcuna sedimentazione.

Per ottenere il cioccolato il processo è più laborioso. Ve ne scriverò in un prossimo post, aggiungendo qualche curiosità su questo delizioso alimento ;-)

---------------
Fonte delle informazioni Cacao - I sapori della salute - A cura di Olidea - Urra Editore

Commenti

Solo a sentir parlare di cacao e cioccolato, mi vien voglia di interrompere la dieta :-)

Scritto da:  fradefra   | 01.06.07 09:15
---------------------------------------

in tanto complimenti per l'articole. sarò interessato a capire come é la fase finale cioé per ottenere la CIOCCOLATA perche noi Africani coltiviamo consumiamo ma non sapiamo curarla per ottenere tutto cio :
grazie

Scritto da:  alain   | 03.10.08 08:31
---------------------------------------

Ciao Alain, grazie per i complimenti e benvenuto sul blog.

Scritto da:  copertina75   | 03.10.08 09:39
---------------------------------------

Salve mi poterste indicare qualcuno che mi insegna o dei corsi di formazione di cioccolato specialmente la pralineria importante è che si trovano ne veneto il mio cell 3299815896

Scritto da:  rino   | 29.03.13 19:21
---------------------------------------

Ciao Rino, un corso sull'impiego del cioccolato potrebbe essere il nostro: http://www.maisazi.it/ca0030-corso-cioccolato.html
Buona lettura e benvenuto sui nostri siti :)

Scritto da:  fradefra - executive chef scuola   | 02.04.13 10:18
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter