Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Galateo per il banchetto nuziale

scritto da copertina75

Preparare un ricevimento di nozze, si sa, non è un'impresa facile. Vi sono molte cose a cui pensare, tante decisioni da prendere, tempo da dedicarci e non per ultimo parecchi soldi da spendere.
In passato, sin dall'epoca romana, un matrimonio diventava la scusa per dar sfoggio della propria ricchezza, senza che questo spesso corrispondesse alla realtà. Conseguenza: le famiglie si riempivano di debiti, arrivando, a volte, sino alla rovina. Senza andare troppo lontani ancor oggi le famiglie del sud Italia ci tengono così tanto a questo "giorno speciale" che non badano a spese, oltre che e a sfarzi.

Il galateo e il buon gusto oggi sconsigliano gli eccessi, dando spazio alla fantasia sia pure con stile ed eleganza. Tutto dovrebbe essere adeguato alle possibilità economiche della famiglia e al tipo di ospiti presenti alla cerimonia.

Una delle spese maggiori che gli sposi o le rispettive famiglie affrontano è il banchetto nuziale. Cosa prevede quindi il galateo?, Quali consigli è possibile ricavarne per far si che il tutto risulti al massimo delle aspettative, visto la spesa che si dovrà affrontare?

Il galateo, ma anche la tradizione, prevede che sia la famiglia della sposa a pagare il rinfresco di nozze. Spesso, difatti, è proprio la sposa, insieme alla madre, a pensare al ristorante o al catering, alla torta nuziale, ai posti da assegnare agli ospiti e così via.

Per non creare disordine e imbarazzo tra gli ospiti, viene disposto all'entrata della sala dove si terrà il banchetto un tableau mariane, ossia un cartellone in cui vi siano segnati i posti di ciascun invitato ai relativi tavoli.
La sposa, in base ai gusti della coppia potrà scegliere il tema del tableu, in modo da poter mantenere lo stesso filo conduttore anche per i segnaposto e i menù.

Mentre per la disposizione degli invitati non vi sono regole precise, il galateo impone una precisa etichetta per la posizione degli sposi rispetto ai parenti.
Se gli sposi non hanno deciso per un tavolo separato, a loro riservato, la sposa siede alla sinistra del marito e al suo fianco, a scalare, il padre, la madre e il testimone. Accanto al marito, la madre e a seguire il padre e il testimone.

Anche per la scelta del tipo di banchetto vi sono delle precise regole da rispettare e delle accortezze da prendere, per far sì che tutti, o quanto meno la maggior parte degli ospiti, si senta a proprio agio.

Il pranzo o la cena tradizionale, con tavoli e sedie assegnati e un servizio al tavolo di camerieri, è la soluzione ideale per le coppie che hanno tra gli invitati soprattutto parenti e persone anziane che solitamente preferiscono stare sedute. Questa soluzione comporta un menù ricco per numero di pietanze servite e viene preferita solitamente dalle coppie che si sposano in mattinata o nel tardo pomeriggio.

Il buffet in piedi è l'ideale per chi preferisce optare per una cerimonia informale, magari preceduta da una semplice cerimonia in municipio. Piace soprattutto alle coppie giovani che invitano soprattutto gli amici e di solito organizzano anche il dopo-cena con musica e animazione. I tavoli sono disposti "a isole", ossia collocati qua e là intorno a una corte o a uno spazio aperto, dando modo agli invitati di spostarsi facilmente da un tavolo all'altro.

Soluzione mista, buffet + pranzo tradizionale. Se si è scelto un catering o un ristorante che ne dia la possibilità, è possibile optare per un grande tavolo per gli aperitivi e gli antipasti, il servizio tradizionale al tavolo per i primi e i secondi ed infine un tavolo per i dolci e la torta nuziale. È una soluzione più flessibile per le coppie che hanno tra gli invitati sia pareti, sia amici e vogliono accontentare un po' tutti. Inoltre in questo modo gli sposi hanno la possibilità di chiacchierare più agevolmente con gli invitati senza dover per forza spostarsi sempre dal proprio tavolo.

Il piatto che tradizionalmente è considerato il più importante del banchetto, seppur servito per ultimo, è la torta nuziale. La scelta è ampia, quel che conta è che sia fatta con materie prime di primissima qualità e che sia finemente decorata.
La tradizione prevede che siano gli sposi a mani congiunte ad aver l'onore del taglio della prima fetta, dopodiché la sposa serve le prime fette ai genitori e testimoni ed infine i camerieri procedono a servire il resto degli invitati.

Insieme alla torta ci sarà il brindisi alla nuova coppia unita in matrimonio. Il galateo prevede che quando si leva un brindisi non è segno di buona educazione astenersi: se si è astemi si può sfiorate appena il bicchiere con le labbra, partecipando ugualmente per non offendere i festeggiati.

Sia che si opti per un ricevimento formale, sia che si preferisca un buffet semplice, è bene rivolgersi a ristoranti o catering, che offrano servizi di buon livello e materie prime di ottima qualità nella realizzazione dei piatti.
Utili indicazioni in merito si possono trovare nel portale dedicato alle aziende ed a tutti i consumatori OmniAziende.it, all'indirizzo www.omniaziende.it.

Tutto questo vale solo nel caso in cui non abbiate deciso di partire, fregandovene di tutto e di tutti, per sposarvi in un'isola paradisiaca, sulla sabbia bianca e con il mare azzurrissimo a farvi da sfondo, per esempio secondo il rito polinesiano….

Commenti

MA SONO L'UNICO CHE SI è SPOSATO SENZA FARE LE SOLITE MANGIATE E I SOLITI RITI STRESSANTI???

Scritto da:  ROBY   | 08.06.07 17:58
---------------------------------------

Ciao Roby, credo di sì :-P
Benvenuto :-)

Scritto da:  fradefra   | 08.06.07 18:49
---------------------------------------

Il banchetto nuziale non è per nulla stressante... almeno da invitato...
;-)

Scritto da:  Fmortara   | 10.02.08 01:26
---------------------------------------

A proposito, proprio in questi giorni, io e copertina75 stiamo organizzando quello del nostro matrimonio. Poi vi facciamo sapere :)

Scritto da:  fradefra   | 10.02.08 11:56
---------------------------------------

Noi organizziamo banchetti nuziali e devo dire che oltre ad un bel pranzo la gente gradisce anche qualche optional (sigari,room,cioccolata,ecc)bisogna vizziarla!!

Scritto da:  Miaria   | 06.11.08 09:56
---------------------------------------

al matrimonio della mia sorellastra sono finita al tavolo con la sua cameriera e famiglia e col cantante e famiglia.E in una sala diversa da quella degli sposi.Ho sbagliato ad offendermi?

Scritto da:  Fra   | 07.05.11 18:58
---------------------------------------

In effetti è un po' strano...

Scritto da:  fradefra - cuoco corsi di cucina maisazi   | 09.05.11 00:30
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter