Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Flexy, il cavatappi

scritto da fradefra

Nell'ambito del nostro accordo che ci vede impegnati come laboratorio esterno di test per Noon S.r.l, di casseruole, wok, pentole per affumicare e coltelli ne stiamo provando molti. Invece, devo dirvi la verità, non mi aspettavo di trovarmi a sperimentare un cavatappi

È successo che il cavatappi professionale che usavo m'aveva tradito all'improvviso, nel cuore di una notte. Avevo sentito un rumore in cucina, ero andato a vedere senza trovare nulla di strano e quindi me n'ero tornato a letto. Qualche giorno dopo il mistero s'era risolto. La molla del cavatappi s'era rotta facendo saltare un pezzo metallico. Per fortuna che non c'era nessuno in giro.

Sentendolo, Sergio Piccerillo, titolare della Noon, qualche giorno dopo mi aveva dato il cavatappi che vedete. "Facci qualche prova" - mi aveva detto ed io, che amo il vino, non me lo sono fatto ripetere.

Eccolo, quindi, dispiegato in tutta la sua bellezza. L'estrazione dalla confezione è difficoltosa, per motivi di sicurezza. Pur se bella, l'ho buttata immediatamente. Non è pensabile, infatti, doversi destreggiare per cinque minuti ogni volta che se ne ha bisogno. L'ho provato molto in questi mesi. Come vedete anche dalle recensioni che scriviamo, io e copertina75 di bottiglie ne apriamo molte ed inoltre voi non sapete di tutto il vino che beviamo senza scrivere nulla, dato che non sempre restiamo soddisfatti.
Il cavatappi s'è sempre ottimamente comportato, anche se predilige le bottiglie col collo medio-largo. Anche con alcune magnum ha fatto il proprio dovere.

Vi dicevo che questo cavatappi mi pare bello. Ovviamente è un fatto di gusto personale, ma alcuni aspetti credo siano generali. Ad esempio, l'utensile è decisamente curato. Oltre all'uso del legno per la leva, ha alcune belle incisioni decorative sul corpo metallico che gli conferiscono eleganza. Va bene, avete ragione, l'importante è che il cavatappi funzioni, ma come sapete noi di maisazi.com guardiamo anche agli aspetti estetici. Bello vuol dire funzionale, ma funzionale vuol dire anche bello

Una delle prime cose che ho guardato, appena avuto in mano, è stato lo snodo ed il punto di forza che lo tiene bloccato in posizione di chiusura. Proprio in questo punto, infatti, il precedente cavatappi s'era rotto. Questo sembra solido, ben rifinito, col metallo liscio e senza segni di trinciature a macchina. Ovviamente non ha la pretesa d'essere stato fatto a mano, ma almeno è ben fatto. Chi lavora in un ristorante, di bottiglie ne apre molte durante una serata e spesso mette mano allo strumento senza poterlo guardare. Una buona rifinitura impedisce piccoli tagli o escoriazioni. Non scordiamo mai la nostra sicurezza quando valutiamo uno strumento od un utensile.

Ed ecco la parte che fa presa sulla bottiglia per estrarre il tappo di sughero. Anche qui si nota una buona cura dei dettagli, con profili non taglienti o eccessivamente spigolosi. La larghezza della presa consente di lavorare su tutte le bottiglie standard e con quelle un po' pù larghe. Qualche difficoltà la incontra per le bottigliette a collo stretto, come certe grappe. Qui occorre prestare più attenzione, per evitare di farsi male, dato che la presa potrebbe scivolare. Per quel tipo di bottiglia, infatti, è opportuno avere un cavatappi specifico.

Conclusioni finali? Non lasciatelo in giro, mentre lavorate. Potreste non trovarlo più .

---------------------
La Noon S.r.l è a Vestone (BS), in Piazza Garibaldi 9. Il numero di telefono è +39 (0365) 870456, il sito è www.noon.it.

Tag: | | | |

Commenti

come tutte le cose belle che vende Sergio, sono sicura che questo cavatappi dal vivo si apprezzerà ancora di più.

Scritto da:  Francesca   | 13.03.07 09:48
---------------------------------------

Molto bello dalle foto. Notavo che non è a doppia leva con snodo. Hai riscontrato problemi in merito? Solitamente io li prediligo per una migliore gestione sopratutto nel "priomo tiro". Diciamo è una mia abitudine. Dalle prove come sè comportato?
Ciao Angelo

Scritto da:  Angelo di.Vino   | 13.03.07 09:49
---------------------------------------

Io la cosa che guardo di più è la sicurezza dell'operatore e sotto questo profilo s'è comportato benissimo perché l'aggancio col collo è perfetto.

Scritto da:  fradefra   | 13.03.07 10:46
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter