Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Vino con tappo di vetro

scritto da fradefra

L'avete mai vista una bottiglia di vino col tappo di vetro?
Se ne parla tanto e secondo molti è il tappo migliore per mantenere a lungo le qualità del vino. Il suo difetto è il costo, non bassissimo.
Bene, per curiosità mi sono comprato una bottiglia di vino tappata col vetro, dopo aver fatto quattro chiacchiere con Marco De Bartoli. Eccovi la foto.
Comodo da aprire e da richiudere. Indiscutibilmente una buona soluzione per il consumatore. Ovviamente qualche problema per la maison. Marco ci spiegava che la macchina che tappa costa e che ogni tanto c'è qualche problema.
Aspettiamo e speriamo.

Tag: | |

Commenti

bella la foto :-)
mi domando se il vetro mantenga le proprietà organolettiche del vino, visto che non conosco come il vetro si comporti a protezione dei cibi. Ora però che ci penso molti contenitori dei cibi per il frigorifero sono in vetro. Tu che sai dirmi in merito? Io sonomun po' titubante.

Scritto da:  Francesca   | 13.02.07 10:11
---------------------------------------

Anche altre cantine stanno iniziando ad usare il tappo in vetro. Al momento per lo più vengono utilizzati per vini base, dove il consumo avviene nel primo secondo anno dopo la vendemmia. Ad esempio il Pinot Nero dei produttori di Termero http://www.everywine.biz/product_detail.php?id=789

Diffederi di un vino a lunga conservazione come Brunello, Taurasi, Amarone, Barolo etc... con tappo in vetro. Il sughero al momento è l'unico tappo che consente nei lunghi tempi anche una micro ossigenzione che di certo in dosi minime non guasta.

Scritto da:  Angelo_ew   | 13.02.07 12:52
---------------------------------------

Secondo il parere quasi unanime degli esperti di vino, il tappo in vetro è la miglior soluzione per la chiusura delle bottiglie. Non ha i problemi del sughero, che a volte presenta batteri ed altre contaminazioni (quando non di qualità eccelsa), non si ritrae come i siliconi.

Il suo unico svantaggio è il costo, un po' alto e la difficoltà dell'operazione di chiusura.

Scritto da:  fradefra   | 13.02.07 16:42
---------------------------------------

No è vero che il tappo di vetro risolve i problemi.
Infatti contiene una guarnizione di materiale sintetico che ha tutti i problemi delle altre chiusure: NON recupera dimensionalmente dopo la compressione statica in bottiglia paer invecchiamenti medi o lunghi.
Esiste invece un Brevetto Europeo EP 1061003 che utilizza chiusure a vite ma contenente una guarnizione di un disco di sughero naturale ricavato dalla zona non inquinata della corteccia e

Scritto da:  salvatore   | 21.04.07 15:16
---------------------------------------

Inoltre la guarnizione sintetica del tappo di vetro cede al vino sostanze nocive alla salute e co sapori sgradevoli.
Da non dimenticare che dopo alcuni mesi l'aria passa e il vino si ammala!

Scritto da:  salvatore   | 21.04.07 15:19
---------------------------------------

Il brevetto europeo EP 1061003 presenta una chiusura a vite di alluminio che però contiene un disco di sughero PURISSIMO ricavato dalla parte Interna della corteccia, non è inquinata ed ha i pori chiusi grazie ad un procedimento naturale di produzione. Questo è la salvezza del vino.

Scritto da:  salvatore   | 21.04.07 15:24
---------------------------------------

Ciao Salvatore, grazie delle indicazioni. Presto vedremo di avviare delle prove comparative :-)
Ciao :-)

Scritto da:  fradefra   | 21.04.07 15:42
---------------------------------------

Devo purtroppo dissentire su alcuni commenti in merito ai tappi in vetro. Primo, non è assolutamente vero che la guarnizione in materiale sintetico abbia delle cessioni; si tratta di un materiale assolutamente neutro e ci sono dati scientifici a dimostrarlo oltrechè un'esperienza di 4 anni sul campo (senza citare i 20 milioni di tappi venduti all'anno e le 700 cantine che lo utilizzano). Secondo, la superficie di contatto del vino con materiale che non sia vetro è inferiore al 3%, quindi assolutamente non paragonabile rispetto a nessuna altra chiusura sintetica. Terzo il costo è assoultamente paragonabile e molto spesso inferiore rispetto ad un sughero di medio-alta qualità. Quarto, cosa significa che non recupera dimensionalmente dopo la compressione statica dovuta alla permanenza in bottiglia per diversi anni? Significa forse che uno apre una bottiglia dopo 5 anni, poi la richiude e poi la ripone in cantina per altri 4 anni? Via Salvatore ho capito che tiri l'acqua al tuo mulino ma ci vorrebbe almeno un pò di fair play. Come avrete capito anche io sono di parte ma molto disponibile a discutere.
e-mail maico.zanco@alcoa.com

Scritto da:  maico   | 28.05.07 09:13
---------------------------------------

so che il cristallo lacia trasudare l'alcol dei profumi ,forse il tappo di vetro e' la risposta al tappo di sugero per quanto riguarda i vini da invecchiamento.

Scritto da:  max v8   | 02.10.08 21:28
---------------------------------------

Ciao Max, staremo a vedere. Ancora di vini invecchiati 30 anni col tappo di vetro non ce ne sono, quindi non è facile dire cosa succederà. Bisognerà aspettare un po'.

Scritto da:  fradefra   | 03.10.08 18:04
---------------------------------------

Se c'è qualche persona interessata in far affari, propongo fabbricare i tappi di vetro in Argentina dove la qualità dell'industria del vetro e ottima e i prezzi bassi.

Rubèn Roberto Palermo
rubenpalermo@libero.it

Scritto da:  Rubèn   | 12.10.08 15:39
---------------------------------------

Ciao Rubèn, benvenuto sul blog. In bocca al lupo per il tuo progetto :)

Scritto da:  fradefra   | 13.10.08 13:33
---------------------------------------


mi domando se il vetro mantenga le proprietà organolettiche del vino, visto che non conosco come il vetro si comporti a protezione dei cibi.
Cara Francesca ma non ti sei accorta che le bottiglie di vino sono da sempre tutte in vetro? adesso ti crei il problema del tappo? Boh...

Scritto da:  ziomorris   | 11.10.10 14:29
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter