Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Un tè dalla Wuyi Mountain, in Cina

scritto da fradefra

Stavolta vi racconto di qualcosa che, mi spiace, non troverete in giro. Si tratta del tè Da Hong Pao (o Dahongpao), prodotto nella Wuyi Mountain ed arrivato direttamente dalla Cina, portato da un amico (beh, grazie Ivano ).

Eravamo a casa di Anna e si era deciso di bere un tè, dato che lei ne è un'estimatrice come noi. Beviamo varie cose, poi all'improvviso le viene in mente che il marito Ivano, che spesso andava in Cina, aveva portato una bella confezione di ritorno dal suo ultimo viaggio. Qualche istante ed ecco davanti ai nostri occhi una bella raccolta. Ne leggiamo le indicazioni ed alla fine scegliamo quello che vi mostro.

Si tratta di un tè non fermentato con foglie quasi intere, dalla bellezza rara. Vietato filtrarle. Si mettono nella tazza e si resta lì mezz'ora a guardarle. Piano piano, infatti, tendono a depositarsi o a galleggiare pigramente, senza risultare d'impiccio, nel sorseggio.

Quando la bevanda finisce, se ne aggiunge qualcun'altra, si versa ulteriore acqua e si procede così mezza giornata! Il bello del tè di qualità, infatti, consiste proprio nel godersi queste trasformazioni dei profumi e del sapore dal primo momento in cui l'acqua tocca le foglie colorandosi di un paglierino leggero, con sfumature verdine, per diventare poco a poco più scura, densa, saporita e profumata.

Al primo sorso non mettete zucchero. Aggiungetene poco alla volta, sino ad arrivare all'equilibrio perfetto tra profumi, calore, colore, gusto. Quando ci arriverete, quello sarà l'apice.

Questo tè, come tutti i non fermentati, ha deciso odore di foglie, con scarsissima presenza di arbusto o legno, tipico dei tè di ottima qualità, prodotti con la raccolta delle prime file di foglie (scendendo, il tè diventa sempre più rude). In bocca si sente un lontano ricordo di frutta bianca o gialla, come la percoca o certe mele rosse. Ovviamente le foglie verdi la fanno da padrone, ma in modo fine ed elegante, senza rugosità ed asprezze.

Siamo rimasti a lungo a sorseggiare a casa di Anna ed ovviamente, quando ci ha invitato a portarci via due scatolette, non ce lo siamo fatti ripetere due volte
Presto vi scriverò del secondo.

Eccovi qualche altra informazione sulla Camellia Sinensis, la piante del tè.

Commenti

avete anche scroccato tè a portar via?! invidia;-)
ho ricevuto per Natale un tè verde natalizio con frutta secca che lo rende ancora più gustoso.
Io non metto mai zucchero!
baci e buon finsettimana

Scritto da:  Francesca   | 05.01.07 16:55
---------------------------------------

Anche io non metto quasi mai lo zucchero. Parto senza, la prima volta lo bevo senza. Le altre volte provo, poco poco, in modo da decidere qual'è il punto migliore. Spesso niente!

Scritto da:  fradefra   | 05.01.07 16:59
---------------------------------------

Io preferisco i tè fermentati e molto scuri, ma devo dire che questo l'ho apprezzato molto. Occorre aspettare un pò da quando lo si versa nella tazza di modo da farlo arrivare al suo punto massimo, ma la pazienza ripaga :-)

Scritto da:  copertina75   | 05.01.07 17:23
---------------------------------------

bhe, cara copertina75 o come ti fai chiamare!!ricorda bene che hai anche un fratello che di tè con la sua ragazza nr beve tutti i giorni in abbondanza ed esclusivamente, e sottolineo esclusivamente senza zucchero!!! quindi se te ne avanza un pochino..giusto x un assaggio ne sarei grato!! con la presentecolgo l'occasione di dire che il ristorante da biasio gradisce molto il barbera del sisgor orsini e..ciao ciao a tutti!!!!

Scritto da:  cico   | 05.01.07 19:36
---------------------------------------

Anche io, come Mariangela amo i tè neri (io anche i rossi) e, se dolcifico, uso solo miele.

Buona befanina a tutti!

Scritto da:  Elisa   | 06.01.07 16:38
---------------------------------------

Ciao Cico, benvenuto da queste parti :-)
Per il tè, penso si possa fare :-) Purtroppo ieri siamo partiti in fretta e furia e non ce lo siamo portato dietro. Alla prossima.

Scritto da:  fradefra   | 07.01.07 23:09
---------------------------------------

Caro cico se riesci a venire a Milano ti faccio assaggiare il tè che preferisci :-)

Scritto da:  copertina75   | 08.01.07 10:53
---------------------------------------

Intanto, caro cico, mi sa che fai prima a passare da me per assaggiare uno degli altri tè di quella 'famosa' confezione proveniente dalla Cina... ;-) Poi, che dire...mi godo i tè rimasti, tra i quali quello al gelsomino, che magari farà inorridire i puristi, ma vi assicuro, ha un profumo meraviglioso che infonde un senso di pace, cosa che mi pare vada molto d'accordo con la calma con cui il tè va assaporato...
Per finire, un po' di gossip: se lo sono fatti ripetere due volte (ma no, dài, no ...ma sì!) ed eccoli qui a gongolare!!! ;-)

Scritto da:  Anna   | 10.01.07 10:34
---------------------------------------

Benvenuta da queste parti Anna :-)
Abbiamo fatto troppi complimenti? Beh, allora faccio la spudorata e se il tuo caro maritino dal Sudafica (beato lui che se ne sta con la panza al sole! Che invidia!) dovesse portare a casa qulache altra specialità gastronomica te ne vengo a scroccare un pò!! ;-)

Scritto da:  copertina75   | 10.01.07 11:19
---------------------------------------

Ciao Anna.
Rafforzo quanto già detto da copertina75. Dì al maritino di portare, che poi noi condividiamo con i visitatori del blog :-P

Scritto da:  fradefra   | 10.01.07 11:23
---------------------------------------

Grazie del benvenuto!
Quanto a condividere...vedremo vedremo, dato che so già che la prossima volta non vi farete pregare ;-)
Cmq io dirò al maritino di portare, ma vi assicuro che non è il caso di fargli sapere che andiamo a dire in giro che se ne sta con la panza al sole...
primo, per la panza (:->),
secondo perchè, ammettiamolo, per prendere 1/4 d'ora di sole del sudafrica si deve sorbire circa 8 orette di lavoro al giorno :-P ...
A presto! :-)

Scritto da:  Anna   | 16.01.07 16:45
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter