Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

La casseruola conica Atlantis di Demeyere

scritto da fradefra

Chi mi legge da un po' sa che le mie pentole preferite sono in rame stagnato o in alluminio. Le prime le preferisco per le caratteristiche di performance, le seconde perché a dispetto di una piccola riduzione dei valori di conducibilità termica offrono semplicità di manutenzione e costi inferiori.

L'acciaio, diciamocelo chiaramente, non m'è mai piaciuto.

Dato che però sono sempre alla ricerca di nuove soluzioni e visto che secondo me non esiste la pentola migliore in assoluto, ma esiste quella più adatta ad un certo contesto, mi sono riproposto di provare uno strumento in acciaio ad alta tecnologia, per verificare personalmente le sue doti ed i suoi campi applicativi, sia in una cucina home sia in quella professionale di un ristorante o di un albergo.

Non potevo farmi sfuggire, quindi, la possibilità del nuovo accordo di test con Noon, per farmi mandare uno dei prodotti che distribuiscono. Si tratta della casseruola conica di Demeyere, linea Atlantis. La vedete in foto. In questo articolo vi presento il prodotto, nel prossimo futuro vi racconterò le impressioni che ne sto ricavando provandola.

La casseruola conica Atlantis, o sauteuse, è realizzata in 7-Ply®, un multistrato con doppia anima in alluminio, su tutta la struttura. Questo dovrebbe conferirgli una conduttività maggiore rispetto all'acciaio ed una temperatura d'esercizio meglio ripartita su tutto lo strumento, per superare il classico problema del fondo troppo caldo a fronte di bordi poco più che tiepidi.

L'interno è rivestito in Silvinox®, un materiale che aumenta la durata della lucentezza della casseruola, che così può andare in lavastoviglie senza diventare opaca e "smorta".

Per rendere flessibile la casseruola all'uso su varie sorgenti di calore, Demeyere ha usato il fondo Triplinduc® che consente l'impiego ad induzione, gas, piastra elettrica, alogene e ceramica.

La casseruola conica, dal bordo alto ed una comoda impugnatura isolante, è studiata per preparare cibi che debbano essere frequentemente mescolati, porzioni al salto, creme e sughi.

Nelle nostre prove vogliamo verificare: che la conducibilità termica sia idonea ad un buon controllo; che la manutenzione dello strumento, pulizia in particolare, sia effettivamente quella semplice che ci aspettiamo da un prodotto di questa classe; che la forma ne consenta il corretto impiego, che il peso non sia un limite. Proveremo anche delle ricette in comparazione con altrettante casseruole in alluminio e rame stagnato.

A presto.

Commenti

bella l'impugnatura e la forma della casseruola, mi sembra ideale per zuppe e sughi, io ci farei una bella e buona zuppa di lenticchie, quelle di capodanno non mi sono bastate erano troppo buone

Scritto da:  Francesca   | 03.01.07 15:29
---------------------------------------

Per i legumi la terracotta e` imbattibile. Ovviamente e` un preferenza del tutto personale.

Scritto da:  Elisa   | 04.01.07 01:53
---------------------------------------

La terracotta l'avevo dimenticata, solo che a casa ancora non ne possiedo una. Quando l'avrò proverò anche con quella.

Scritto da:  Francesca   | 04.01.07 11:16
---------------------------------------

Copertina75 ed io ci abbiamo fatto già due risotti ed un polpo! Quest'ultimo è venuto la fine del mondo :-) Poi tra un po', quando avremo fatto altre prove, vi faremo il resoconto.

Scritto da:  fradefra   | 04.01.07 11:30
---------------------------------------

Per risotti e polpo io infatti uso l'acciaio e mi trovo egregiamente. Confido in ulteriori prove :)

P.S. per Francesca: se compri la terracotta, in caso non lo sapessi, tienila immersa in acqua 24 ore prima dell'uso e adotta un frangifiamma, altrimenti te la giochi ;)

Scritto da:  Elisa   | 04.01.07 16:15
---------------------------------------

Grazie Elisa!
Buono il polpo :-P

Scritto da:  Francesca   | 04.01.07 18:30
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter