Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Il cenone di Natale in Italia

scritto da shiftzero

Natale è alle porte, tra una decina di giorni le tavole d'Italia si riempiranno di una infinità di portate diverse. Signori e signori, facciamo spazio al Cenone della vigilia Natale.

Ma il cenone si fa in tutta Italia? No. Non in tutte le regioni c'è l'usanza del cenone la sera del 24 dicembre. Questa tradizione è diffusa prevalentemente al Sud, dove immancabile la Grande Famiglia si riunisce a casa dei nonni e, dalle quattro del pomeriggio in poi, è un susseguirsi di preparazioni, assaggi furtivi dei più piccoli, decorazioni, assembramenti nelle cucine fino ad arrivare alla fatidica ora del "tutti in tavola".

In questi giorni che ci avvicinano al Natale cercherò di raccontarvi i menu e le tradizioni delle varie regioni italiane, cercando di entrare sempre più nel dettaglio, alla ricerca delle curiosità gastronomiche e degli usi e costumi a tavola durante il cenone di Natale.

Ma questa ricerca non posso certo condurla da solo, cari amici di maisazi. E no! Ho bisogno del vostro aiuto. Facciamo in modo, se ci riusciamo, di far divenire questo post la "guida ufficiale alle tradizioni culinarie italiane di Natale". Tra cenoni, pranzi, dolci, aperitivi e antipasti... in assoluto ordine sparso.

Chi ha voglia e piacere di raccontarci come nella sua regione, città o paese si festeggia il Natale a tavola è il benvenuto.

Scappo... vado a scrivere la mia sulle tradizioni in tavola a Natale della città di Bari, famosa per "U cenone du vindiquatt" (il cenone del 24 dicembre). Vi lascio solo un cenno... pensate che la notte del 23 i mercati rionali rimangono aperti sino a tarda ora, spesso sino all'alba, per servire le migliaia di baresi intenti nell'acquisto degli ingredienti per il cenone, dai frutti di mare sino alla frutta secca.

Tag: | |

Commenti

Ho un bel ricordo della vigiglia di Natale, sempre a casa della nonna paterna che, seppur a Milano da sempre, ha acquisito le tradizioni dai genitori siciliani. Mi ricordo che quando ero bambina era un giorno di grande fermento ed emozioni. Il pomeriggio io e mio zio (abbiamo solo 3 anni di differenza) dovevamo dormire per poter rimanere svegli fino a mezzanotte per l'apertura dei regali, ma spesso non riuscivamo a farlo e così facevamo finta :-D La sera si magiava solitamente il pesce, dai mitili, ai crostacei, al salmone e quant'altro. E poi il pandoro e il panettone, la frutta secca, che non può mancare, poi il torrone ed ecco che arriva la mezzanotte con Babbo Natale!

Scritto da:  copertina75   | 15.12.06 11:08
---------------------------------------

Il cenone di Natale, in effetti, credo sia uno dei momenti più carini dell'anno. Sarà commerciale, sarà modaiolo, non so, ma fa niente. Almeno è una scusa per rivedere persone che a volte sono assenti tutto l'anno.

Scritto da:  fradefra   | 15.12.06 14:06
---------------------------------------

per quel che mi riguarda, a casa mia non c'è la tradizione del cenone del 24 dicembre, è sostituito dal pranzo del 25 in compagnia di tutta la famiglia.
non so se a padova o nel veneto è così, ma a casa mia (cittadella) la tradizione è questa ;-)

Scritto da:  marco   | 16.12.06 12:28
---------------------------------------

Sì, marco solo al sud la Vigilia è più sentita e quindi festeggiata. Non per questo poi il giorno dopo non c'è anche il pranzo.... e così i chili aumentano.... Ho già deciso per una drastica dieta dal 7 di gennaio!! ;-)

Scritto da:  copertina75   | 17.12.06 11:07
---------------------------------------

copertina scusa ma di dove 6 e poi io che abito a matera mangio il 24 sera il 25 e il 26 e troppo poi anche il 31 e l '1troppi chili xro nn ingrasso mai.
poi mangio anche il 6 e il 7 troppi ma troppi kili
ciao a tutti e buon anno

Scritto da:  Sara4ever   | 02.01.07 17:22
---------------------------------------

No! non solo al sud si festeggia il cenone della vigilia di Natale.Nei miei ricordi, ancora sento l'odore che nelle nelle strade di venezia e sopratutto in casa mia si potteva
odorare e pregustare la freschezza dei fritti di pesce e l'energia di gioia che allegiava le calli di Venezia
Il ricordo della mia infanzia piu' vero sono le cappe tonde e il suo risotto seguito da' molluschi dell'adriatico innafiato con il vino bianco dei colli di Valdobiadene

Scritto da:  andreatta gabriella   | 06.12.10 23:44
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter