Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Il bicchiere da degustazione di Spiegelau

scritto da fradefra

Chi ci segue più assiduamente si sarà accorto che sul nostro blog non avevamo ancora scritto niente sui bicchieri. La cosa non è casuale, ovviamente.
In realtà da qualche tempo ero alla ricerca di un prodotto che soddisfacesse alcuni miei requisiti, che credo siano importanti. Qualche settimana fa, alla presentazione del SaltExpò, mi sono ritrovato in mano alcuni bicchieri di Spiegelau che mi hanno incuriosito. Ne ho navigato il sito, ho letto le descrizioni, ho chiamato ed eccomi qui a scrivervene.

Nei giorni seguenti, infatti, Stefano Citterio, loro Responsabile Comunicazione e Stampa, mi ha reso disponibile il bicchiere da degustazione che vedete in foto, il Vino Rosso della linea Hi-Tech, codice 440-01-01.
Si tratta di un bicchiere con misure leggermente diverse da quelle previste dall'ISO, ma nonostante ciò lo considero da degustazione per alcune caratteristiche che ha. Nelle sere immediatamente successive, ho avuto modo di provarlo in varie situazioni, con vini rossi e bianchi, ottenendone ottime impressioni. Copertina75 ed io lo abbiamo eletto nostro bicchiere ufficiale da degustazione. Siamo andati oltre, in realtà. L'abbiamo usato pure per la degustazione dell'olio extravergine di oliva di Dimino Luigi ed anche in quella situazione s'è comportato egregiamente. Ovviamente si potrà obiettare che ci sarebbero bicchieri più adatti, ma vi garantisco che questo ci ha consentito di rilevare bene ogni aspetto del profumo. Proseguiamo con ordine, comunque.

Buono il vetro, molto trasparente, nessuna imperfezione o bolla, ottima la presentazione. Il bicchiere è decisamente bello per i nostri gusti (copertina75 conferma appieno). Un bicchiere tecnico, ma anche da tavola, dove fa una splendida figura.

Si tratta di un pezzo unico, soffiato in automatico. Come potete vedere dalle due foto di dettaglio, tra lo stelo ed il calice non vi è alcun segno di saldatura, così come tra lo stelo e la base. Toccandola con le dita, la superficie è del tutto liscia e gradevole. Sempre sullo stelo non c'è la classica riga verticale dei bicchieri stampati. Chi ama i bicchieri, sa quanto siano antipatici questi effetti del processo di stampa. Tenere in mano questo Vino Rosso di Spiegelau, invece, è un vero piacere.

Lo stelo si presenta sottile (odio quelli troppo grossi), senza con ciò diventare troppo fragile. Le proporzioni delle varie parti sono perfette ed il bicchiere è stabile. La bocca del calice è della misura giusta per trattenere i profumi, consentendo comunque il giusto avvicinamento del naso (parlare di introduzione, mi parrebbe eccessivo). Ho sempre pensato che i profumi devono essere liberati nell'aria, ma non troppo in fretta. Una larghezza equilibrata, quindi, s'impone. Questa è sufficiente, inoltre, per asciugare bene l'interno. Anche se secondo alcuni dettami il bicchiere da degustazione non andrebbe asciugato, in casa, per evitare i residui calcarei, molti preferiscono farlo. Nel caso in cui vi limitiate a scolare, vi consiglio un ultimo risciacquo con acqua minerale naturale. I residui si ridurranno molto, soprattutto se la vostra acqua corrente è un po' dura.

Per quanto riguarda la lavastoviglie, qualunque cosa ne dicano molti produttori di bicchieri, lascerei perdere. I miei bicchieri, perdonatemi i miei vezzi, in lavastoviglie non ce li metto!

Concludo ringraziando Stefano Citterio e Caraiba, azienda rappresentante in Italia il marchio Spiegelau, per avermi concesso queste prove.
Caraiba S.r.l. è in via Toscana 11 a Zola Predosa (BO). Il numero di telefono è +39 051 6166983. Il sito è www.caraiba.it

Commenti

Bellissimi, bellissimi, è un piacere tenerli in mano!

Scritto da:  copertina75   | 12.12.06 15:16
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter