Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Aggiornamenti e riflessioni sulla ricerca e-commerce

scritto da copertina75

Sono partite le prime sessioni di navigazione della ricerca sull'interazione dei navigatori con i siti di e-commerce che formeranno quelle di prova, dovendo, in questo momento, testare la griglia di osservazione di riferimento.
Già dalle primissime sessioni, oltre all'aver fatto i controlli sul metodo che si è adottato nella ricerca, sono emersi fenomeni interessanti.

Ho deciso di non anticipare nulla sui risultati, seppur iniziali, in quanto dovranno essere successivamente confermati. Vorrei, però, proporre alcuni spunti di riflessione.

La nostra ricerca prende in considerazione i siti che vendono on-line nel settore enogastronomico, quindi il loro scopo è vendere o meglio ancora fidelizzare il navigatore che contento possa tornare e riacquistare.

Poniamo che il nostro sito, o perché ben posizionato sui motori di ricerca, o perché conosciuto nell’ambiente, ha fatto arrivare il navigatore sulla home o su una delle altre pagine. Supponiamo sempre che l’utente riesca a navigarci bene, il sito gli piace graficamente e siccome noi ci siamo specializzati su un prodotto specifico, di cui abbiamo ampia scelta, l’utente sia ben disposto e si fidi. Ha scelto il prodotto, è contento e vorrebbe comprare ma … deve registrarsi per forza e il form da compilare è troppo lungo e lui non ne ha voglia. Ora, se il prodotto gli è veramente indispensabile, seppur un po’ indispettito, compilerà il form e procederà all’acquisto. Se invece si trattava più uno sfizio o di un acquisto d'impulso, non lo farà e molto probabilmente sul nostro sito non ci tornerà più!

Qual è l’obiettivo? Vendere solo a chi ha effettivamente bisogno o anche a chi gli è venuta voglia in quel momento, magari proprio perché il vostro prodotto lo incuriosiva o gli era piaciuto? Enrico Madrigrano al Convegno GT ha parlato di BISOGNI e DESIDERI dell'utente. Vorrei lasciarvi con una domanda provocatoria. Quanti acquisti avete fatto recentemente perché ne avevate bisogno e quanti perché invece lo desideravate, anche se in realtà non ne avevate necessità?

--------------------
La ricerca commissionata da maisazi.com è sponsorizzata da: La Compagnia del Cavatappi, Compagnia delle Puglie, Everywine, Gianluigi Orsini vini, Inari, Popularity S.r.l., Sudelizie e Buta Stupa.

Commenti

Sì, in effetti anche io penso che sarebbe preferibile un controllo post-ordine, non pre-ordine. In fondo, la maggior parte dei siti di commercio elettronico hanno una organizzazione post-ordine che comunque prima di inviare effettua una telefonata. La registrazione pre-ordine, trovo che sia una vera barriera anti-sfondamento che se da una parte limita qualche scherzo, dall'altra fa perdere molti clienti!

Varrebbe proprio la pena di pensarci.

Scritto da:  fradefra   | 12.12.06 18:47
---------------------------------------

Concordo in pieno, nei miei primi acquisti via internet trovavo molto fastidioso dover compilare un lungo modulo che mi chiedeva tante/troppe cose.
Sarebbe carino trovare una formula per fare in modo che i dati vengano richiesti dopo la transazione: se uno ha pagato a quel punto i dati li inserisce :-)

Scritto da:  F@bri   | 12.12.06 20:50
---------------------------------------

Il mio cmq voleva essere solo un esempio dei molti problemi che un navigatore può incontrare acquistando on-line. Vorrei riportare l'attenzione sulla questione bisogni e desideri.
Con quale spirito avete fatto gli ultimi acquisti? Erano necessari? O era più uno sfizio, un acquisto fatto solo dopo essere stati invogliati dal prodotto?

Scritto da:  copertina75   | 13.12.06 10:10
---------------------------------------

A volte mi succede di comprare qualcosa che mi serve, ma se devo essere onesto, sono decisamente più numerosi gli acquisti che faccio perché vedo qualcosa che al momento mi attrae.
Ok, confesso... ho le mani bucate :-P

Scritto da:  fradefra   | 13.12.06 13:02
---------------------------------------

Fra che mi regali per Natale? Tra un acquisto ed un altro pensa anche agli amici... :-P
Conosco un sito di e-commerce dove trovi degli oggetti tecnologici niente male.

Scritto da:  F@bri   | 13.12.06 15:56
---------------------------------------

I bisogni e i desideri, queste sono le chiavi per fare centro in una campagna marketing. Ed Enrico Madrigano è diventato molto bravo a trovarli e a farli emergere. Complimenti...

Scritto da:  Cartucce   | 12.03.09 14:35
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter