Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Il wok di Demeyere

scritto da fradefra

Beh, una premessa credo sia doverosa. Sono un sostenitore degli strumenti di cottura in alluminio e in rame, quindi potrei sembrare un po' fuori posto a scrivere di un wok in acciaio. Credo, però, che si debba sempre concedere una prova alle novità della tecnologia e quella di Demeyere è tecnologia "state of the art". Non parliamo di acciaio e basta, ma di un multilayer in cui trovano posto ben tre metalli diversi, che in sinergia consentono, ognuno con le proprie caratteristiche, di unire la bellezza con la funzionalità.

In Cucinare col wok vi scrivevo che questo strumento è normalmente in ghisa, alluminio (più raramente in acciaio). Nelle versioni occidentali, per un utilizzo più semplice, lo troviamo spesso ricoperto di un antiaderente.

Demeyere ha voluto progettare un wok che unisse alla bellezza caratteristica di tutte le sue padelle, casseruole e pentole, la semplicità della pulizia e la conduttività termica necessaria (forte limite dell'acciaio).

Per ottenere un simile risultato, si sono impiegate alcune tra le tecnologie più moderne disponibili nel campo degli strumenti di cottura.

Il wok è in 7Ply®, un multistrato che in 2,3 millimetri ha 7 strati di acciaio ed alluminio (di diversi tipi), per condurre il calore dal centro sino al limite del bordo, senza perdere la facilità di manutenzione. La ripartizione del calore, quindi, evita la necessità di alzare troppo i fuochi, evitando le attaccature dei cibi in cottura. Il rivestimento in materiale antiaderente è quindi inutile.

Per mantenere il bel lucido quasi argenteo, le superfici sono trattate con Silvinox®, una tecnica che impedisce la decolorazione e la corrosione.

Una versione del wok è dotato del ControlInduc®, un sistema di limitazione automatica della temperatura a circa 250°, su sistemi ad induzione.

La linea, inoltre, comprende alcuni accessori importanti, soprattutto per la cucina orientale: un appoggio sia per la cottura sia per servire in tavola; una griglia interna per la cottura a vapore; un coperchio anche lui trattato col Silvinox®; una spatola per la frittura.

Ci troviamo, in sostanza, uno strumento di cottura che ha le premesse necessarie per un impiego di prim'ordine. In alcune prove preliminari che ho avuto modo di fare nei giorni scorsi, la soddisfazione è stata piena.

Da oggi, comunque, inizio una serie di test sistematici di cui vi scriverò i risultati.

----------------
Ringrazio Sergio Piccerillo della Noon S.r.l. di Vestone (BS), per avermi messo a disposizione questo wok per le mie prove.

Tag: | |

Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter