Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

I carciofi sottolio di Compagnia delle Puglie

scritto da fradefra

Inizio la presentazione singola dei prodotti che Compagnia delle Puglie ci ha inviato e di cui vi ho scritto in I prodotti tipici pugliesi di Compagnia delle Puglie. Nella foto vedete la confezione dei carciofi sottolio, aperta sin dalla prima sera assieme ai pomodori secchi di cui vi parlerò più avanti.

Dico la verità, mi ero riproposto di assaggiare in vari contesti i carciofi, ma alla fine li abbiamo mangiati tutti "in solitario", in varie riprese. Avevo pensato di usarne qualcuno in una delle mie insalatine in cui amo aggiungere ingredienti inusuali, ma non ce l'abbiamo proprio fatta.

I carciofini erano come me li aspettavo, sapendo che me li aveva inviati Pietro. Affogati in olio extravergine di oliva di ottima qualità, erano morbidi, senza alcuna traccia di amaro, leggermente aciduli di aceto. Il profumo era di erba e vagamente di limone (forse per qualche fase di lavorazione).

Com'è giusto che sia, solo la parte centrale, senza le foglie esterne, è stata impiegata per la lavorazione, che così ha dato un prodotto delicato, appunto senza quel leggero amarognolo che a volte i carciofi si portano appresso e che disturba alcuni. Allo stesso modo, nessuna sensazione eccessiva di fibra da dover masticare per ore, altro effetto a volte sgradito dei carciofi non ben lavorati.

La scelta di un ottimo olio extravergine mi ha evitato di sostituirlo al momento della consumazione, cosa che a volte faccio con questi prodotti. Anzi, a dirla tutta, con copertina75 abbiamo deciso di tenere l'olio rimasto, dopo aver finito i carciofi, per condire le successive insalate. Ok, non ridete, ma crediamo che sia un peccato buttar via cose così buone. In fondo s'è trattato di tenere la confezione ancora per un paio di giorni in frigorifero, per evitare le muffe. Vi garantisco che l'insalata poi era ottima!

Mi riprometto di essere meno goloso la prossima volta. Tenterò di usarli veramente per una insalata. Credo che tagliati a piccoli pezzetti, possano aggiungere un buon apporto in gusto, infatti.

Il sito di Compagnia delle Puglie, se siete ristoratori, negozi o altri esercizi e volete acquistare questi carciofi, è www.compagniadellepuglie.com.

Commenti

A proposito, la confezione, piaciuta moltissimo a copertina75, è di Antonella, se ho capito bene!

Scritto da:  fradefra   | 12.10.06 13:33
---------------------------------------

Sì, Antonella mi diceva che vengono confezionati a mano da loro.

Scritto da:  copertina75   | 14.10.06 12:19
---------------------------------------

Scusate il ritardo ;-)

Vi ringrazio per i complimenti e sono davvero lieto vi siano piaciuti.

@fradefra: non era necessario "riciclare" l'olio :-) te ne mando quanto ne vuoi... ce n'è davvero tanto in Puglia!

La confezione è fatta rigorosamente a mano, e la scelta della juta e della raffia "a colore" è di Antonella.

Al prossimo assaggio.
P.

Scritto da:  shiftzero   | 16.10.06 00:13
---------------------------------------

Ciao Shift, grazie per l'offerta, ma l'olio l'ho riciclato per vari motivi:
1) non mi piace buttare via cose ottime. Mi sembra uno schiaffo a chi non ha nulla da mangiare. Secondo una stima fatta da una organizzazione mondiale, il 98% della popolazione del pianeta non è sicura di mangiare domani. Ogni volta che ci penso...

2) L'olio extravergine in cui per qualche mese è stato tenuto qualcosa, ne assume il sapore. In alcuni casi, è ottimo! Non lo considero riciclo... tutt'altro :-)

Scritto da:  fradefra   | 16.10.06 07:53
---------------------------------------

Anche io condivido l'idea di Francesco: più che riciclo l'idea di riutilizzare un olio del genere è un voler arricchire di qualcosa di unico i piatti che lo riceveranno ;)

Scritto da:  Daniela Trifone   | 18.10.06 00:15
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter