Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Patate, riso e cozze. Ah, allora siamo a Bari!

scritto da shiftzero

Patate riso e cozze.E’, insieme alle orecchiette con le cime di rape, il piatto forte della tradizione gastronomica barese. In dialetto si chiama “tiedda”, icona intramontabile della cucina pugliese. E Bari ne è degna custode. Parliamo del piatto tipico “patate, riso e cozze”.

Cosa mangi oggi? – Patate, riso e cozze! Vuoi favorire? – Mooo (tipica espressione di stupore barese)… beato te! Mè vabbè, se c’è un piatto anche per me.…

Discorsi di questo tipo se ne sentono davvero tanti a Bari.

La teglia di “patate, riso e cozze” ha un sapore indescrivibile, soprattutto se avete la fortuna di assaggiare quella cucinata nel forno a legna, con carboni “fuoco sopra e fuoco sotto”.

Ma come si prepara? È semplice, davvero molto semplice. Pensate che può essere fatta in qualsiasi parte d’Italia; anche perché ormai le cozze che arrivano per esempio a Milano non hanno nulla da invidiare a quelle che io compro dal Porto di Bari.

Si prendono le cozze sgusciate a metà, poi il riso e poi le patate tagliate a fette. Prezzemolo, cipolle e aglio. Sale e olio a piacere. Formaggio e qualche pomodoro pelato. Zucchina chi la vuole. Facile no? Nello specifico: condire il fondo del tegame con la cipolla tagliata sottile, l’aglio tagliato a pezzettini, prezzemolo tritato, qualche pomodoro pelato, formaggio grattuggiato, olio, sale e chi lo desidera una zucchina tagliata a fette.

Disporre le patate tagliate a fette e condirle con sale, formaggio, olio e poco pomodoro pelato.
Coprire la patate con uno strato di cozze sgusciate a metà. Coprire quindi le cozze con riso crudo e condire quest’ultimo con il sale, formaggio, qualche pomodoro pelato e olio extravergine di oliva.

Coprire con uno strato di patate a fette e condire – per ultimo – con formaggio, sale e olio. Mettere in forno caldo a 160° per 5 minuti. Poi, aggiungere acqua bollente fino a ricoprire il tutto. Far cuocere per poco più di 1 ora.

Dopodichè, appena assaggiato il primo boccone, fatemi sapere se quello che ho detto corrisponde a verità! Sono pronto a scommettere…

Commenti

Con questo post, riprende dopo la pausa estiva, la rubrica Menu del venerdì, che settimanalmente vi proporrà una ricetta per il week-end.
Saranno per lo più piatti appositamente creati per voi da maisazi.com o, come in questo caso, ricette interessanti della cucina italiana o internazionale.

Grazie a Pietro e buon appetito a tutti voi :-)

Scritto da:  fradefra   | 08.09.06 05:36
---------------------------------------

Amici di maisazi, il piatto presentato è davvero straordinario. Anche perché abbiamo usato l'olio extra vergine di Compagnia delle Puglie (eh eh... scusate per l'amor proprio!!!).

Aggiungo che le donne baresi di vecchio stampo la zucchina la mettono sempre. Dà maggior sapore al piatto e lo rende meno secco.

Complimenti a tutti per questo bellissimo blog.
Antonella

Scritto da:  Antonella   | 08.09.06 17:07
---------------------------------------

Grazie Antonella per i complimenti.
Il piatto lo proverò di sicuro e ci metterò la zucchina, come fanno le donne baresi!

Scritto da:  copertina75   | 08.09.06 17:15
---------------------------------------

Antonella, per caso conosci un certo Pietro? Sì, quello strano, che si fa chiamare..... spetta... shi..shif... boh, na cosa simile...
Senti, non ti fidare :) che quello con la pecora di qua, le orecchiette di la e le cozze di qui, ti frega. Stai attenta :-)

Scritto da:  fradefra   | 08.09.06 17:51
---------------------------------------

Cara antonella, il tuo commento si presta a doppi sensi, io non ho capito dove la mettono la zucchina ste donne di Bari...(scusate per la caduta di stile ma.... un po di peperoncino non fa mai male).

Scritto da:  emilio   | 08.09.06 20:08
---------------------------------------

Boni, state boni :-)

@emilio: le baresi hanno un gran gusto!!!

@fradefra: uhm... shi.. shif... ma che cappero (nota gastronomica) di nome usa questo qui??? Bho???

@copertina75: provala e fammi sapere come viene! E se non viene bene, stai attenta... c'è un certo fra.. frad... insomma, quell'uomo con cui condividi alcune cose della tua vita che è pronto a criticare dato il suo altissimo feeling con la cucina :-)

Saluti a tutti da shif... shift... insomma, io!

Scritto da:  shiftzero   | 08.09.06 20:25
---------------------------------------

@shiftzero
L'uomo con cui condivido alcune cose della mia vita, tra cui anche la casa, se avrà da ridire, la prossima volta la farà lui. Cmq solitamente non è un criticone, mangia tutto quello che preparo, non so se lo fà per amore.... ma non è il tipo!

Scritto da:  copertina75   | 09.09.06 13:56
---------------------------------------

I will prepare this dish tomorrow.

Un buon piatto Barese!

Scritto da:  Tina Pilato   | 10.11.06 03:59
---------------------------------------

Questo è un piatto che può essere preparato in ogni luogo. Peccato che le "cozze tarantine", cozze piccole e saporitissime, non si trovano nel nord Italia e credo neanche nel centro. Mi accontento di utilizzare quelle che trovo.
Una barese trapiantata al nord.

Scritto da:  Annunziata   | 24.11.06 14:48
---------------------------------------

Ciao Annunziata, benvenuta.
In effetti al nord credo che le cozze possano essere un problema. Hai provato in qualche mercato ittico?

Scritto da:  fradefra   | 24.11.06 14:56
---------------------------------------

A dire la verità non ho mai pensato ad un mercato ittico. Non so se ce ne siano nella zona di Mantova o Brescia. Avete notizie?
Per la frutta e verdura di solito mi rifornisco ai mercati generali di Brescia in quanto io e mio marito ne consumiamo grandi quantità.

Scritto da:  Annunziata   | 27.11.06 09:01
---------------------------------------

Ciao Annunziata. Potresti chiedere a Infomercati +39 (02) 55005400, dove c'è il mercato ittico più vicino.

Ciaoo

Scritto da:  fradefra   | 27.11.06 14:11
---------------------------------------

Grazie.

Scritto da:  Annunziata   | 29.11.06 18:06
---------------------------------------

l'ho vista su youtube questa ricetta ma non capivo bene la spiegazione,grazie a voi l'ho fatta e anche in toscana è venuta eccezzionale!!!!!!!!!

Scritto da:  stefano   | 03.09.07 12:16
---------------------------------------

Stefano, sono contento che ti sia piaciuta :-)
Benvenuto sul blog :-)

Scritto da:  fradefra   | 03.09.07 12:40
---------------------------------------

Grazie mille ... ho fatto una bella figura e sono stati tutti entusiasti. Grazie !!!!

Scritto da:  Lorena   | 09.08.09 11:04
---------------------------------------

Ottimo Lorena, anche noi siamo contenti del tuo successo :)

Scritto da:  fradefra   | 09.08.09 11:48
---------------------------------------

Ciao Lorena, grazie a te e falla una seconda volta... verrà ancora meglio :)

Saluti,
shiftzero

Scritto da:  shiftzero   | 09.08.09 17:23
---------------------------------------

appena infornata....mi sono attenuta scupolosamente....ma mancando forse nell'ingrediente più caratterizzante della ricetta....le cozze!!!!!Ad ognni modo almeno visivamente offre un "grazioso" scenario.....a più tardi i commenti più concreti...nell'attesa del risultato lascio a voi tutti un saluto dalla mia bella puglia....

Scritto da:  chiara   | 07.09.13 12:31
---------------------------------------

Benvenuta sul blog, Chiara e buon appetito :)

Scritto da:  fradefra - chef della scuola   | 10.09.13 12:11
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter