Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Allergia nocciola figlio fare

scritto da fradefra

Il titolo del post è tale e quale la chiave di ricerca con cui il visitatore è arrivato da Google. L’ho immediatamente messa in evidenza tra le domande a cui rispondere, perché le allergie alimentari sono un importante aspetto da tenere sempre in considerazione, se si cucina per gli amici e per i propri cari.

Non sono un esperto, ma ho un figlio con gravissima allergia alla frutta secca, arachidi e nocciole in particolare. Basta un invisibile frammento e Lorenzo finisce in ospedale con lo shock anafilattico. Già successo tre volte.

Il pericolo, purtroppo, non sono le arachidi e le nocciole in sé, ma i derivati che troviamo praticamente ovunque. Croccantini, olio di arachide usato per la frittura, impasti e farciture.

Pericolosissime, inoltre, le possibilità di shock per contatto di alimento con contenitori non perfettamente puliti. A volte, al ristorante, non lo faccio mangiare se non ho la certezza totale che il suo cibo sia stato preparato in una pentola apposita o che nella cucina in questione non si usi olio ed altri preparati a base di frutta secca. Ovviamente ogni volta che lo porto in un nuovo ristorante, devo fare quattro chiacchiere (e non solo quattro), col cameriere.

Al bar, il pericolo è dato dalle patatine. Non perché sia allergico alle patatine, ma perché queste potrebbero essere state messe in una ciotola che prima conteneva le arachidi. Altra possibilità di contatto è data dal fatto che gli avventori prendano prima le arachidi e poi con la stessa mano tocchino le patatine. Basta questo, per finire in ospedale (successo una volta).

Cosa si può fare?
Purtroppo ad oggi ben poco. Esistono vari rimedi che abbassano il livello di pericolo, negli anni, senza però eliminare l’allergia. Varie altre allergie gli sono passate, questa, secondo i medici, gli rimarrà.

Cosa fare se si sa di essere allergici e si è in attesa di un figlio?
Beh, posso solo dire ciò che penso, del tutto opinabile. Credo che mio figlio sia contento di essere al mondo, seppur con la grave allergia, ed io pure. Quindi, accettiamola, questa cosa. Ci sono mali ben peggiori.

Al visitatore che è approdato al nostro blog con questo dubbio, chiedo di precisare meglio ciò che desidera sapere. Tenterò di dare un aiuto, nei limiti delle mie possibilità.

-------------------------------------
Questo post è parte della rubrica "Tutto quello che avete sempre voluto sapere sull'enogastronomia, ma nessuno vi ha mai detto", che prevede, ogni week-end, la pubblicazione delle risposte alle domande che in settimana ci avete posto o che abbiamo ricavato dall'analisi delle chiavi che dai motori vi hanno condotto a questo blog.
Se avete altre domande, scrivete a fradefra@maisazi.com o copertina75@maisazi.com.

Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter