Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

1 agosto - Spaghetti allo scoglio

scritto da fradefra

Vista ravvicinata degli spaghetti allo scoglio.Fermi! Non scappate! Non sono così difficili da preparare, gli spaghetti allo scoglio.
Come vi scrivevo in Dedicato a chi ad agosto resta in città, i piatti che vi proporrò questo mese saranno di semplicissima realizzabilità.

Non hanno la pretesa di essere cucina creativa del miglior livello, ma vogliono solo rispondere alla vostra domanda "stasera che mangio?"

Come al solito, gli ingredienti sono per due.

  • Una confezione surgelata che preveda mitili, molluschi e crostacei;
  • 200 grammi di spaghetti;
  • sale.

Il Penny Market è un noto discount del nord, ma il prodotto o uno simile sono facilmente reperibili in qualunque supermercato.Mettete l'acqua a bollire ed intanto in una padella versate il contenuto della busta surgelata. Seguite le indicazioni. Nel caso di quella ho acquistato io, Sautè di Mare, al Penny Market, bastano 7 minuti. Non andate oltre, altrimenti il prodotto perderà ogni sapore.

Se resta del fondo, nessuna preoccupazione. Sarà assorbito dalla pasta, quando la metterete a salatare. Spegnete il fuoco sotto la padella ed aspettate che bolla l'acqua della pasta. Salate, versate gli spaghetti e cuocete un minuto in meno rispetto all'indicazione sulla confezione.

Scolate la pasta e aggiungetela alla padella, sotto la quale nel frattempo avrete riacceso il fuoco. Amalgamate il tutto per un paio di minuti.

Assaggiate e se la confezione dello scoglio surgelato non è piccante, pepate secondo i vostri gusti. Nel caso del prodotto che ho preso io, non serve in quanto è già leggermente piccante.

 

= = = = =
Nota del cuoco.

L'acqua della pasta deve essere sempre molto abbondante. Più ce n'è, meglio è. In questo caso, tre litri bastano. Ciò consente di ottenere una pasta più al dente, ma cotta.

Il sale va messo solo nel momento in cui bolle l'acqua, pena il rischio di rovinare la pentola, se è d'acciaio.

Se comprate una confezione di scoglio surgelato, devono esserci almeno le cozze, le vongole, piccoli calamaretti o polpi, gamberetti, pomodorini. I mitili devono avere il vulve.

Non usate una padella con l'anti-aderente. Rischiereste di rovinare il rivestimento. Se non avete una padella in alluminio, è la scusa giusta per acquistarla. Costano pochissimo, per altro, e sono il miglior strumento di cottura, non casualmente usato dai cuochi professionisti. In ultima battuta, una padella in acciaio.

Tag: | |

Commenti

Caro Francesco, questa volta non siamo d'accordo :-)

Spaghetti allo scoglio... surgelati? Mitili (o frutti di mare) freschi hanno tutt'altro sapore.

Dalle mie parti, in Puglia, gli spaghetti allo scoglio sono rigorosamente con cozze, vongole, scampi, allievi (sono i calamari giovani), pomodorino fresco "appeso", olio extravergine e peperoncino (e non pepe!!!), tutto fresco appena pescato ;-)

Scherzo! Capisco che non sempre è possibile trovare prodotti freschi; quindi, va bene anche così. Ma non mi invitare a pranzo quando cucinerai gli spaghetti allo scoglio "surgelati"... Caso mai, porto tutto io e tu cucini!

Buone cose,
Pietro

Scritto da:  shiftzero   | 01.08.06 13:57
---------------------------------------

Sì, hai ragione, ma secondo me bisogna anche pensare a chi restando in città comunque ha voglia di mangiare qualcosa di diverso, senza avere tempo e senza, magari, essere troppo capace di cucinare.

Licenza estiva, insomma :-P

Scritto da:  fradefra   | 01.08.06 14:31
---------------------------------------

Pietro ,da una parte hai ragione...e te lo dice da chi proviene dalla città dei frutti di mare!
Ma il sapore che tu senti ,quando le mangi in puglia...lo vuoi mettere???
Li c'è aria di casa.
Comunque,giacchè "non si può avere tutto dalla vita" direi che se a questi spaghetti ci aggiungete dlla mollica fritta con aglio e peperoncino....
Aggiunto alla fine!

buon appetito
giuditta

Scritto da:  giuditta   | 01.08.06 15:12
---------------------------------------

@Giuditta
Direi che ci stanno! Chi prova? :-P

Scritto da:  fradefra   | 01.08.06 15:21
---------------------------------------

Spagehtti allo scoglio versione Mare del Nord (dove mi trovo in vacanza): in mancanza dei prodotti veri, si fanno con cozze piccole locali (di provenienza normanna o olandese) che se fresche sono ottime, e "mandorle di mare", che sono grandi tre volte le veraci e occorre 1 ora per cuocerle, ma sono carnose e ci stanno bene. E scampi freschi. Li ho cotti in periodo di astinenza da cibo italico, e il risultato é stato notevole!
A.

Scritto da:  antonio   | 19.08.06 00:52
---------------------------------------

Buona vacanza. Certo che il Mare del Nord è una bella scelta :-)
Non riesco ad immaginarli mitili così grandi!

Scritto da:  fradefra   | 19.08.06 07:35
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter