Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

17 agosto - Melanzane in insalata

scritto da fradefra

Dicono che in estate bisognerebbe mangiare molte insalate e sicuramente ciò è vero, ma che volete farci, io dopo un po' (due giorni), senza carne io vado in astinenza. Quindi se mangio l'insalata, deve essere strana. La cosa è nota a tutto il parentado, al punto che mio figlio, spesso mi dice "Frà, vorrei un'insalata. Me la fai normale, però?".

Non che queste melanzane in insalata siano una ricetta d'alta cucina, intendiamoci. Si tratta solo di qualcosa di diverso dal solito. Come per tutte le ricette che vi abbiamo proposto in questo agosto cittadino, si tratta giusto di un'idea, che ci piacerebbe personalizzaste come meglio credete.

Passo ai fatti.

Ingredienti per due.

  • Mezza melanzana;
  • due o tre peperoncini verdi dolci;
  • 50 grammi di formaggio tipo Emmental;
  • mezza fetta di prosciutto cotto tagliato leggermente più spesso del solito;
  • mezzo limone;
  • olio extravergine di oliva e olio da frittura;
  • origano e sale fino (io ho usato quello dell'Atlantico francese).

In una padella larga mettete due dita di olio da frittura e portate alla massima temperatura. Tagliate la melanzana a fette di uno o due millimetri, friggendole un po' per volta. Tiratele fuori dall'olio quando iniziano ad indorarsi e poggiatele su carta assorbente, a strati. Schiacciatele leggermente per eliminare l'olio in eccesso.

Lavate le foglie di radicchio e tagliate in sottili striscioline. Tagliate a piccoli pezzetti il prosciutto e l'Emmental. Lavate e tagliate a metà i pomodorini, togliendo la parte dell'attaccatura.

Finito di friggere le melanzane, friggete i peperoncini dolci tagliati a pezzetti (ovviamente lavati e svuotati dei semi interni).

Ponete le melanzane fritte in una insalatiera e rompetele a pezzi grossolani con due cucchiai, aggiungete i peperoncini, il prosciutto, l'Emmental, i pomodorini ed il radicchio. Unite tre o quattro fette sottilissime di limone, divise in due o tre pezzi.

Completate il condimento con olio extravergine di oliva, poco origano e sale dell'Atlantico francese (o sale fine, se avete solo questo).

= = = = =
Nota del cuoco.

Siamo in stagione di melanzane, quindi non dovrebbero esserci problemi a trovarle. Controllate, al momento dell'acquisto, che abbiano la pelle lucida e senza grinze. L'interno non deve presentare troppi semi e non devono esserci sacche d'aria. Se scegliete quelle di forma tondeggiante, la polpa sarà più dolce. Quelle oblunghe sono leggermente più piccanti.

Sempre per le melanzane, non lasciate crude le fette. La solanina, di cui la melanzana ha alte percentuali, può dare leggeri malesseri a persone sensibili. La cottura non distrugge completamente questo alcaloide, ma lo attenua notevolmente.

In questa ricetta, l'uso di coltelli affilatissimi è fondamentale. Il limone deve essere tagliato molto fine. Anche le fette della melanzana vengono meglio, se tagliate con un coltello adatto (lungo ed affilato).

Commenti

Come mai un'insalata senza aceto?

Scritto da:  marina   | 17.08.06 15:14
---------------------------------------

Io non considero l'aceto un elemento indispensabile dell'insalata. Con questi ingredienti, tutti dal sapore piuttosto delicato, l'aceto avrebbe l'effetto di confinarli in un angolo.
Preferisco, invece, che si riesca a distinguere ognuno di loro. L'olio extravergine, invece, da una parte lega, dall'altra aggiunge a suo volta profumo e sentori.
Il minimo di acidità normalmente desiderato nell'insalata lo danno i pezzetti di limone (a volte uso il lime, che è più profumato).

Con ciò non voglio dire che l'aceto non mi piaccia, anzi. Solo che qui non ce lo vedo bene.

Scritto da:  fradefra   | 17.08.06 15:22
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter