Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Gli omega 3

scritto da copertina75

Con il post la dieta a zona: un diverso stile di vita vi avevo lasciato con un cenno agli omega 3. Qui vorrei approfondire questo interessantissimo e importante argomento per la nostra salute.

Gli omega 3 e gli omega 6 sono acidi grassi polinsaturi, detti essenziali in quanto devono essere introdotti con l’alimentazione perché il nostro organismo non è in grado di produrne.

Esperimenti scientifici hanno dimostrato che l'integrazione di omega 3 nell'alimetazione migliorano le condizioni di salute. Questo accade perché variando il rapporto tra omega 3 e omega 6 è possibile "pilotare" la produzione di eicosanoidi (vedi post già citato sulla dieta a zona), limitando la creazione di quelli che alimentano l'infiammazione e aumentando la formazione di quelli che la inibiscono.

Quali sono e dove si trovano gli omega 3 e gli omega 6?

Il capostipite degli omega 3 è l'acido alfa-linolenico. Purtroppo lo si può trovare solo in alcuni alimenti: semi di lino, semi di canapa (che però non si trovano in commercio) e noci.

Gli altri due omega 3 sono EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico), che si trovano nel pesce. Per un apporto adeguato di EPA e DHA (4 g) bisognerebbe assumere 150 - 250 g di pesce al giorno (dipendentemente dalla varietà di pesce). Spesso però ciò non è così facile e quindi è possibile integrare con dell’olio di pesce in pillole o in forma liquida. Lo si può facilmente trovare in commercio, tenendo presente due importanti fattori: il grado di purezza e quello di concentrazione.

Per quanto riguarda la purezza, l’olio di pesce deve subire una distillazione molecolare multipla, un procedimento di purificazione che consente di arrivare alla quasi totale eliminazione di residui di mercurio, metalli pesanti, diossine, PCB e altre sostanze contaminanti.

Parlando di concentrazione, invece, quella di EPA + DHA non dovrebbe mai essere inferiore al 60%. Così consiglia il dott. Barry Sears!

Una curiosità. Il 60% del peso secco del cervello è costituito da lipidi, per la maggior parte DHA. Quest’ultimo ha una funzione fondamentale nelle sinapsi (per trasmettere informazioni) e nella retina (per ricevere gli input visivi) e quindi un suo consumo giornaliero può influire positivamente sulle funzioni neurologiche.

Vi sono due grassi omega 6 che dovrebbero invece essere limitati: l’acido arachidonico e l’acido linoleico.
Il primo è il più pericoloso, poiché si trasforma in modo preferenziale in eicosanoidi "cattivi". Gli alimenti più rischiosi che lo contengono sono i salumi, le carni grasse, il tuorlo d'uovo e alcuni pesci (come sardine e anguilla).
Occorre tener presente che solo il tuorlo dell'uovo contiene acido arachidonico, mentre gli albumi si possono mangiare tranquillamente. Inoltre alcuni pesci contengono sia omega 3, sia acido arachidonico (come il cefalo o le sardine). In questi casi è consigliabile eliminarli a favore di pesci contenenti solamente omega 3 (come il salmone).

L’altro omega 6 da limitare o evitare è l'acido linoleico, che rappresenta la partenza per la sintesi non solo degli eicosanoidi "buoni", ma anche di quelli "cattivi".
Per evitare che esso si trasformi in acido arachidonico, oltre a limitarne l'assunzione, si dovrebbe aumentare l'apporto di grassi omega 3. A tal fine, basta eliminare gli oli vegetali diversi da quello extravergine di oliva, le noci e i pinoli, la maionese e il lardo.

Come dicevo all’inizio, gli omega 3 migliorano le condizioni di salute dell’organismo e nello specifico:

- incrementano il colesterolo "buono" HDL e abbassano il colesterolo "cattivo" LDL e il livello dei trigliceridi;
- contrastano la formazione di trombi;
- sono essenziali per lo sviluppo normale del feto e risultano utili nella prevenzione della depressione post-partum;
- migliorano in modo significativo alcune forme di depressione maggiore;
- aiutano nel trattamento della schizofrenia, dei disturbi bipolari e nella cura della sindrome di Alzheimer;
- sono utili nel favorire l'equilibrio nell'attività del sistema immunitario;
- espletando un' attività antinfiammatoria .

Anche le vitamine antiossidanti hanno la loro importanza per riuscire ad evitare l’ossidazione dei grassi essenziali e la trasformazione dell'acido arachidonico in eicosanoidi "cattivi", soprattutto la vitamina E e la vitamina C.
Ma questo ve lo racconterò nella prossima puntata!

Commenti

Mi viene in mente quando lavoravo in Omega Data... :-P
Centra nulla? Mi sa di no!
Scherzi a parte, interessante :-)

Scritto da:  fradefra   | 02.08.06 17:11
---------------------------------------

Credo proprio che Omega data non centri.. :-P

Scritto da:  copertina75   | 03.08.06 12:21
---------------------------------------

Il capostipite degli omega 3 lo si può trovare "purtroppo" solo nei semi di lino ....e nelle noci....quindi un dice: OK, mangio magari una noce al giorno....
Ma poi "...basta eliminare gli oli diversi dell'extravergine ...., LE NOCI....".
Ma allora? Cos'è una sommaria relazione fine a se stessa?

Scritto da:  kraeftig   | 19.09.07 10:45
---------------------------------------

@kraeftig
Scusa, ma non riesco a capire bene ciò che vuoi dire.

Scritto da:  copertina75   | 19.09.07 14:07
---------------------------------------

vuol dire che le noci sono inserite sia negli alimenti che producono omega 3 (e quindi "buoni"), sia tra quelli che sono da evitare perché favoriscono la formazione di acido arachidonico. la domanda la faccio anch'io: le noci vanno bene o no?

Scritto da:  peppe   | 06.10.07 20:36
---------------------------------------

Per quello che so io le noci vanno benissimo. Ma approfitto per passare la palla al dott. Chiavacci, esperto di nutrizionismo.

Scritto da:  copertina75   | 09.10.07 18:13
---------------------------------------

scusate sapete se gli integratori di omega3 dei laboratoires vitarmonyl garantiscono la quantità corretta di omega3? In due pillole di grammi 1,067 l'omega3 è presente in quantità pari a 400mg. Non è poco?

Scritto da:  mara   | 20.04.08 17:09
---------------------------------------

vorrei prendere un prodotto affidabile e puro per iniziare ad assumere gli omega 3, ma diffido molto sulla purezza dei prodotti in commercio e sulla loro genuinita'.
Vorreste indicarmi un prodotto valido e affidabile che posso trovare anche dal mio farmacista?

saluti
Antonio

Scritto da:  antonio   | 28.07.09 16:53
---------------------------------------

@antonio
Non te ne so indicare uno specifico, mia mamma cardiopatica ne prende uno in farmacia, con la ricetta prescritta dal suo medico di base, non so se è possibile comprarlo anche senza ricetta. La cosa migliore è chiedere proprio ad un farmacista.

Scritto da:  copertina75   | 28.07.09 17:36
---------------------------------------

Ma fanno bene le noci al colisterolo?

Scritto da:  Micheleeee   | 28.01.10 09:14
---------------------------------------

@Micheleeee
Le noci sono grassi di tipo vegetale e quindi possono far aumentare il colosterolo, quello buono però.

Scritto da:  copertina75   | 28.01.10 10:18
---------------------------------------

mi hanno detto che gli omega3 fanno bene anche alla pelle e a chi ha problebi di dermatiti seborracee, è vero?

Scritto da:  barbara   | 14.10.10 09:11
---------------------------------------

sono allergica al pesce, alle nocciole, alle mandorle......come posso assumere omega 3 e omega 6?
interessante come sito

Scritto da:  giusi   | 24.10.10 08:37
---------------------------------------

@giusi
Gli omega 3 e 6 si trovano anche nelle noci

Scritto da:  copertina75   | 24.10.10 09:34
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter