Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

26 agosto - Filetto coppato

scritto da fradefra

L'uso della coppa, come parte aggiuntiva della crosta, è il motivo del nome del "filetto coppato". Più correttamente il nome doveva essere "filetto di vitello in crosta con coppa e crema di olive", ma mi sembrava troppo lungo.

Quaranta minuti per preparare il tutto, compresa la cottura. Dato che è sabato, penso che non sia difficile trovarli questa sera e direi che ne vale la pena. Aggiungete delle verdurine e dei legumi cotti o una insalata a vostra scelta. A me la carne piace spesso senza alcun accompagnamento, quindi non ho fatto null'altro.

Se volete spendere meno o non trovate il filetto di vitello, potete usare lo scamone, anche se perderete qualcosa in morbidezza.

Ingredienti per quattro persone.

  • 400/500 grammi di filetto di vitello;
  • 100 grammi di coppa dolce;
  • crema di olive;
  • una sfoglia fresca;
  • olio extravergine di oliva.

In una padella scaldate un cucchiaio di olio extravergine di oliva e fatevi rosolare il filetto per un paio di minuti per parte.

Distendete la sfoglia, ricopritela con uno strato di coppa, spalmate interamente con pochissima crema di olive. Ponetevi sopra il filetto e chiudete sollevando i lembi. Chiudete le due estremità arrotolando la sfoglia.

Ponetelo nel forno già caldo a 200 gradi su un ripiano basso, mettendolo in una rostiera o in un tegame basso scoperto leggermente imburrati o con della carta da forno. In 20 minuti la crosta dovrebbe dorarsi ed il filetto essere cotto al sangue.

Estraetelo dal forno e tagliatelo a fette di un centimetro e mezzo o anche due, se vi piace la carne alta (io ho fatto così).

Se gradite del vino, accompagnate il vitello coppato con un Barbaresco.

= = = = =
Nota del cuoco.

In alternativa al filetto, come dicevo sopra, potreste usare uno scamone. In questo caso, però, dovete soffriggerlo per più tempo, in padella, perché ha bisogno di maggior cottura e la sfoglia non può superare i 20 minuti in forno. Il consiglio è valido anche per il filetto, se lo volete più cotto.

Per tagliarlo, usate un coltello dalla lama lunga e non troppo alta. Io purtroppo non ce l'ho, quindi ho usato il classico coltello da cuoco. Un'alternativa potrebbe essere il coltello elettrico, che io non amo usare, ma che molti trovano comodo.

Commenti

Non avevo mai pensato alla coppa come incrediente da cuocere, ma questo piatto sembra davvero irresistibile, sento già il profumino...

Grazie per l'idea ;)

Scritto da:  Daniela Trifone   | 26.08.06 12:11
---------------------------------------

Se vai tra Piacenza e Parma, la coppa la cucinano addirittura da sola, in forma di arrosto ed altro. Una cosa provare alla prima occasione :-)

Scritto da:  fradefra   | 26.08.06 14:48
---------------------------------------

coppa, scamerita o capocollo, chiamatelo come volete, farcito e al forno.
Premetto che ho unn debole verso questo taglio di maiale, sia esso cotto o stagionato, ma il fatto che i grassi all' interno diano sapore e morbidezza al taglio è una cosa che mi fa impazzire. Fate una frittata abbastanza fine di rape e mettetela da una parte. prendete un pezzo di capocollo, secondo quanto ve ne serve, e apritelo in modo da cercare di ricavare un foglio da riarrotolare; quindi sovrapponete la frittata al foglio,riarrotolate insieme le due parti e legate il cilindro che andrete ad ottenere. forno già a 180 gradi, dentro per circa 30 minuti. ogni tanto girate il rotolo per uniformare la cottura. Va servito a fette alte circa 1 cm insieme a delle patatine novelle cotte in forno, nello strutto,con tutta la buccia negli stessi 30 minuti in cui cuoce il maiale. Buonn appetito....

Scritto da:  emilio   | 28.08.06 15:04
---------------------------------------

Grazie Emilio, Daniela è servita :-)

Scritto da:  fradefra   | 28.08.06 15:36
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter