Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Servire il vino ad un commensale

scritto da fradefra

Ricordarsi di versare il vino ai commensali vicini non è tutto, anzi a volte è sbagliato.

Una donna non serve mai il vino ad un uomo, salvo che quest'ultimo non sia un anziano (ed attente, un anziano signore della vecchia leva potrebbe sentirsi offeso) o una persona molto importante (un Nunzio Apostolico, un Presidente della Repubblica, ecc.) Alcuni uomini, anche importanti, ci tengono a versare loro il vino. Beh, la donna sarà contenta ed apprezzerà.

Servendo il vino alla donna, l'uomo ne verserà prima un goccio nel proprio bicchiere, poi versa nel calice altrui, quindi, per ultimo, nel proprio. Il versare il primo goccio nel proprio bicchiere è una cortesia che si fa agli altri. Così, infatti, si prende l'eventuale residuo del tappo e si pulisce il collo della bottiglia. Anche se la cosa è stata già fatta da un cameriere, a tavola si ripete come pro-forma.

Il bicchiere non deve mai essere colmato. I vini rossi non devono superare i due o tre centimetri di altezza, i bianchi non devono arrivare ad una distanza inferiore a tre centimetri dall'orlo superiore, anche in funzione della grandezza del calice. Nel dubbio, è sempre preferibile versare poco vino.

Se qualche goccia di vino cade sulla tovaglia, il danno è ormai fatto. Un semplice "scusa" basterà. Evitare di comportarsi come se si fosse pestata una rosa rara.

L'uomo versa il vino solo alle donne di fronte ed a quelle al suo fianco. Tentare di servire una persona troppo lontana è sbagliato. In questo caso, passare la bottiglia ad un altro uomo, che provvederà.

Un uomo, non versa il vino ad un altro uomo, salvo che non siano amici. Agli uomini, semmai, si può versare l'acqua, le bibite, la birra, ecc.

Mentre il vino viene versato, il bicchiere non deve essere alzato, ma deve restare poggiato sul tavolo.

L'alzarsi per andare a versare il vino a qualcuno troppo lontano, lungi dall'essere considerata cortesia, pare solo inutile falsità ed atteggiamento di forma. Evitare, salvo che non sia uno scherzo da tutti identificabile come tale.

Poggiando il vino dopo averlo servito, guardare se è disponibile un poggia bottiglia. Se manca, evitare di fare richieste con toni eccessivi. Il padrone di casa potrebbe sentirsi in imbarazzo per non averne uno. Una semplice occhiata può bastare e nel dubbio, neppure quella.

Vietato annusare il vino dalla bottiglia, prima di servire.

Se il vino è stato assaggiato da un anfitrione, da un padrone di casa o da un altro ospite, non ripetere la prova prima di versare. Sarebbe scortesia verso chi l'ha già fatto. Il tappo lo annusa solo chi apre la bottiglia, salvo che non sia lui stesso ad invitare qualcuno.

Se un commensale rifiuta il vino (e non dovrebbe farlo mettendo una mano sul bicchiere), non insistere. Da molti, l'insistenza è considerata una delle massime scortesie.

Commenti

Molto bello questo post, interessante davvero!
La sezione sul galateo è davvero geniale! :o)

Scritto da:  Barbara   | 11.07.06 12:54
---------------------------------------

io mi faccio servire anche l'acqua;)

Scritto da:  Francesca   | 11.07.06 12:55
---------------------------------------

@Barbara
Grazie :-)
Penso che a volte il desiderio di molte persone di convivere meglio, cozzi con la semplice mancanza di informazioni. Vero è che basta un libro (consiglio il Galateo di Donna Letizia), altrettanto vero è che il tempo è sempre troppo poco.
C'è parso quindi utile avere una sezione da alimentare un po' alla volta, anche col contributo dei visitatori che possono mettere un commento, anche citando una variazione di tendenza o inviarmi una nota che poi posterò io.

Scritto da:  fradefra - Chef del Corso per Cuochi   | 11.07.06 13:13
---------------------------------------

@Francesca - farsi servire l'acqua
...e fai bene! Molti uomini sono poco educati solo perché non hanno una donna che pretende ciò che gli spetta!
[...rumore di fradefra che scappa per evitare i pomodori marci...]

Scritto da:  fradefra   | 11.07.06 13:17
---------------------------------------

Devo dire di essere stata fortunata con fradefra. Mi apre addirittura la portiera dell'auto, e devo dire che non è proprio da tutti!
Volevo ringraziare anch'io Barbara per i complimenti alla nostra sezione sul Galateo.

Scritto da:  copertina75   | 11.07.06 17:14
---------------------------------------

@copertina...
Se un uomo apre la portiera dell'auto ad una donna, o è nuova l'auto o e nuova la donna...
Nel vostro caso, chi delle due?
;-)

Scritto da:  Fmortara   | 10.02.08 01:20
---------------------------------------

...orco... sono curioso di leggere la risposta di copertina75 :D

Scritto da:  fradefra   | 10.02.08 11:54
---------------------------------------

@Fmortara
Fradefra mi apriva la portiera nei primi tempi in cui eravamo assieme, ma lo fa tutt'ora dopo 2 anni e mezzo. Quindi la donna non è nuova. Per l'auto la faccenda si complica, perchè lo ha fatto con auto nuove, meno nuove, belle e brutte, devo dire che lo fa più volentieri se la macchina gli piace, ma cmq tende a farlo sempre. E' un atteggiamento mentale di cui l'aprire la portiera della macchina è solo un piccolo esempio.

Scritto da:  copertina75   | 11.02.08 11:56
---------------------------------------

Credo che a giorno d'oggi pochi uomini sanno a compartarsi in modo apropriato con le donne. Inffatti spesso con il mio compagno abbiamo delle discussioni sul argomento. Pur sapendo fin da bambina la etticheta francese mi ha fatto venire un dubbio che forse voi riuscte a chiarirmi.
Quando si sta in compania di persone che altro che versarti, non ci pensano nel meno di proporti del vino e la botiglia è alla fine, si puo o no, versare nel proprio bichiere ciò che rimane, senza ovviamente a riempirsi il bichiere oltre il tre centimetri dal bordo superiore?

Scritto da:  Borislava   | 27.04.12 23:19
---------------------------------------

Ciao Borislava, benvenuta sul nostro blog.
No, quello che avanza nella bottiglia non si versa mai nel proprio bicchiere. Un po' di vino, poco, nella bottiglia deve rimanere sempre.

Scritto da:  fradefra   | 29.04.12 12:12
---------------------------------------

Buongiorno,
Avrei una curiosità. L'uomo con la propria dama alla sua destra o sinistra e le dame di altri uomini di fronte, a chi verserà prima il vino, alla sua dama o alle altre?
Grazie

Scritto da:  Vdm   | 27.08.12 10:48
---------------------------------------

Il vino non si versa mai alla donna davanti, ma solo alla donna alla propria sinistra. Neppure a quella a destra.
In pratica, ogni uomo versa a quella alla sua sinistra, così ogni uomo ha una donna a cui versare. Della serie, guai ad invadere il campo :p :p

Si versa alla donna davanti solo se si è in due, uomo e donna.

Scritto da:  fradefra - Corsi di cucina   | 28.08.12 15:13
---------------------------------------

Innanzitutto grazie per la risposta!
La mia questione era un'altra, mi chiedevo se andasse servita prima la propria donna (che potrebbe scocciarsi di essere stata messa in coda) 😃
e poi le altre (destra, sinistra, fronte o retro che siano) 😊
Grazie ancora

Scritto da:  Vdm   | 29.08.12 07:38
---------------------------------------

Vdm, come ti dicevo, il problema non si pone perché ogni uomo deve mettere il vino solo nel bicchiere della donna alla sua sinistra, chiunque sia e senza mai servirlo alle altre.

Se tua moglie è seduta alla tua destra, tu non le servi il vino. Ci pensa l'uomo alla sua destra. Tu lo devi versare solo alla donna alla tua sinistra.

Comunque, il problema non dovrebbe mai verificarsi, perché le coppie conviventi non dovrebbero mai essere affiancati in un pranzo.

Scritto da:  Fradefra - chef   | 29.08.12 08:26
---------------------------------------

Va bene, terrò a mente quanto mi hai detto.
Io comunque sono la moglie 😊
Ancora grazie per le gentili risposte
Saluti

Scritto da:  Vdm   | 29.08.12 10:10
---------------------------------------

Ottimo, benvenuta :)

Scritto da:  Fradefra   | 29.08.12 19:25
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter