Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Scopriamo insieme i principali liquori

scritto da FabioDellOrto

I liquori, escludendo la mattina per ovvi motivi, si possono bere in qualunque momento della giornata, dopo pranzo o durante il pomeriggio, dopo cena. Ogni liquore richiede il “suo” bicchiere che ci consente di gustarne al meglio le sue caratteristiche.
In commercio si trovano due categorie di liquori, quelli secchi e i liquori dolci.
Fanno parte della prima categoria i distillati di vino (brandy e cognac), essi possono essere serviti a temperatura ambiente dopo pranzo, dopo cena, oppure nel tardo pomeriggio, e i distillati di cereali (whisky, vodka, gin) che vanno consumati dopo cena.

Il whisky e il gin si possono servire anche come aperitivo, usanza a mio avviso però tipicamente anglosassone. Le temperature di servizio per questi ultimi variano a seconda del tipo. Il whisky può essere servito a temperatura ambiente oppure “tipicamente” con cubetti di ghiaccio, o allungato con selz o acqua tonica ghiacciata. La vodka molto fredda (tenuta in frigo almeno 3 ore) in bicchieri freezerati per 30 minuti. Il gin molto freddo accompagnato con cubetti di ghiaccio.
Terza e ultima sottocategoria tra i liquori secchi sono i distillati di vinaccia, la cui regina è la grappa uno dei più tipici liquori italiani. Va servita dopo pranzo, dopo cena a temperatura ambiente.

Nella seconda categoria (liquori dolci) troviamo i rosoli e rataflà, i primi vengono ottenuti dai petali di rose, i secondi dalla frutta. Vanno serviti dopo pranzo, dopo cena, nel pomeriggio,e si apprezzano se serviti freddi.
Sempre tra i liquori dolci troviamo il cherry brandy e i liquori all’arancio, che possono essere serviti dopo pranzo, dopo cena, nel pomeriggio. Il cherry è un brandy aromatizzato con ciliegie va servito a temperatura ambiente, idem gli altri che in alternativa possono essere serviti anche freddi.
Tra i liquori dolci più conosciuti vi cito su tutti il rabarbaro e la china estratti dall’omonima radice e corteccia, vanno serviti a temperatura ambiente oppure allungati con acqua calda.
Termino recensione e citazioni con la Sambuca, un altro liquore dolce, a base di anice che può essere servita anche come digestivo dopo pranzo e dopo cena a temperatura ambiente

Commenti

Eccomiiiiiiiiiiiiiiii! Sono un appassionato di liquori!
Mi spiace fare un torto ad uno dei più importanti distillati italiani, ma la grappa non mi piace molto. Invece adoro il Bitter Campari (non il soda) e l'Aperol, sia da bere sia come ingrediente di molte ricette.

Scritto da:  fradefra   | 01.08.06 07:57
---------------------------------------

Non ti piace la grappa ? Un vero peccato ! Anche con essa si possono preparare delle ottime ricette.

Scritto da:  Fabio   | 01.08.06 08:52
---------------------------------------

Sì, in effetti in alcuni piatti la uso. Pura, invece, raramente la bevo, con rare eccezioni. A La Morra, per esempio, alcune grappe di Barolo sono la fine del mondo.

Scritto da:  fradefra   | 01.08.06 08:56
---------------------------------------

IO ADORO LA GRAPPA! Da buon Alpino, figlio di Alpino, ho la grappa nelle vene :)

A proposito di Grappa. Come ben scritto nell'articolo, va servita a temperatura ambiente e non GELATA!

Con mio stupore, in visita a Roma, in una trattoria tipica, a fine pasto ho chiesto (come sempre :)) una grappa.

Il cameriera arriva con una bottiglia gelata, idem i bicchieri.

Obietto cortesemente: probabilmente mi sono sbagliato ad ordinare... non desidero la vodka. Se c'è preferisco bere un sorso di grappa, grazie.

Il cameriere prontamente ribatte: ma questa È grappa.

Ovviamente, per cortesia, non ho insistito ed ho ringraziato, scusandomi per il disguido. Ho comunque aggiunto di esser rimasto ingannato dal fatto che la bottiglia era gelata. Il cameriere in tutta risposta ha detto che a Roma la grappa si serve così.

Ho avuto modo di provare un altro paio di ristoranti a Roma (quindi appena tre locali non fanno testo). In tutti e tre, la grappa mi è stata servita gelata!

La grappa gelata è un ORRORE PURO! Perde ogni tipo di gusto e non la si apprezza per niente! In caserma, quando ero (appunto) alpino, MAI si è bevuto grappa gelata!!!

Morale: è vero che "paese che vai usanza che trovi"! Però la GRAPPA VA SERVITA A TEMPERATURA AMBIENTE ALRIMENTI MEGLIO DESISTERE E BERE ALTRO!

Scritto da:  aletor   | 01.08.06 13:01
---------------------------------------

Come per tutte le regole, esistono anche le debite eccezioni.

Nel caso della grappa, possono essere servite gelate (ma non è necessario che lo siano) alcune (ma veramente poche) grappe aromatizzate, dai gusti molto particolari. Meglio se a temperatura di frigorifero, piuttosto che di congelatore.

Ma anche quel tipo di grappe, personalmente, le preferisco a temperatura ambiente.

Scritto da:  aletor   | 01.08.06 13:09
---------------------------------------

come va servito il brendy???

Scritto da:  aiutooooooooooo   | 21.10.07 20:21
---------------------------------------

Ciao, il Brandy si serve in un calice dalla base larga e dal collo un po' stretto, stelo piccolo. In sostanza, quello in cui si beve anche il Cognac.

Scritto da:  fradefra   | 22.10.07 01:00
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter