Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Perchè sono favorevole ai fast food come McDonald's

scritto da shiftzero

fast-food.jpgTra un progetto e un altro, cerco di ritagliare il tempo che merita questo blog e mi accingo a scrivere un nuovo articolo. Mi viene in mente una discussione avuta qualche giorno fa con degli amici rispetto alla questione "favorevoli o contrari alle catene fast-food come McDonald's?". Uhm... interessante. Può essere l'idea di un post.

Vi sottopongo la mia personale opinione quale "favorevole ai McDonald's e affini".

Comincio a scrivere il post e l'occhio malandrino di una mia collaboratrice, leggendo il titolo del post, immediatamente mi bacchetta: "E come è possibile??? Proprio tu che sei socio Slow Food, ti intendi di prodotti enogastronomici di qualità, ci fai due marroni così con le tue ricerche e studi, hai un'azienda di prodotti tipici artigianali e poi... sei favorevole ai fast food?".

Esatto! Sono favorevole. Il motivo è semplice. L'altro giorno ero a Bari, in centro vicino la stazione. C'è un McDonald's aperto già da un po' di tempo in cui - però - non ero mai entrato. L'ho fatto per la prima volta in quanto avevo necessità di comprare una bottiglietta di acqua visto il caldo afoso di questi giorni (figuratevi, ero in giacca e cravatta vestito di tutto punto come un pinguino!).

Devo dire la verità. Me lo aspettavo completamente diverso. Pensavo fosse un agglomerato americano old style, bazzicato da paninari o gente dal tipico fare made in USA. E invece no! A prescindere dal fatto che (gli studi di marketing aiutano) McDonald's adotta strategie differenti per ogni nazione, ho visto con grande piacere che la maggior parte delle persone all'interno erano gruppi familiari. Genitori con prole al seguito, ragazze e ragazzi che si divertivano in allegria tra doppi cheese burger con patatine e fiumi di Cola e non poche persone anziane che degustavano con mia invidia delle (a vista) squisite macedonie di frutta.

Sarà stato un caso? Possibile. Allora ci sono tornato il giorno dopo. Niente, tutto come il giorno prima. Benissimo!
Qualche sguardo attento a ciò che mi circondava, due appunti presi al volo (deformazione professionale) ed ecco qui a voi il mio pensiero favorevole.

1. La cucina è a vista. Ok, forse ciò che cucinano non è il miglior prodotto presente sul mercato. E questo mi sembra ovvio. Ma almeno, la cucina si vede! Ho visto con i miei occhi le patatine surgelate. Mi direte voi: "Bhè, e che c'entra questo?". C'entra eccome. Avendo un poo' di esperienza di ristorazione, posso garantirvi che anche nei migliori ristoranti sarebbe meglio non entrare nelle cucine. Non dico altro.

2. Finalmente un posto che riunisce la famiglia, soprattutto genitori con bambini piccoli. Credetemi, sarò strano io, ma è stata una scena bellissima vedere il papà mentre cercava di non far sporcare il figlioletto mentre sbranava con un sol morso il doppio cheese burger e teneva a bada il ketchup delle patatine.

3. All'esterno del McDonald's un gruppo di ragazzini e un andirivieni dentro-fuori fuori-dentro con tanto di panini e Cola per sfamare tutta la compagnia. Se dalle nostre parti il problema è dove far stare in tranquillità i ragazzini nel periodo più pericoloso per la loro età (12-16 anni), allora questa può essere una - e dico una - delle soluzioni. Anche perchè ho notato con piacere la figura di un vigilante fuori l'entrata, sì per tener d'occhio potenziali "furbi" con le mani veloci, ma anche un deterrente e un occhio esperto in più su tutti quei ragazzi.

Sono stato negli USA, ma non in un McDonald's. Quindi non ho parametri di paragone. Spero siano tutti così e che quello che ho visto non rappresenti un caso isolato o solo di quei pochi giorni.

La discussione con i miei amici, dunque, mi vede dalla parte dei favorevoli. Sia ben chiaro, questo è un blog gastrononico e quindi è doveroso da parte mia fare alcune considerazioni "alimentari". Ho provato un panino accompagnato da patatine fritte. La qualità di ciò che ho mangiato, al mio palato, non è delle migliori ma neanche delle più scadenti. Ho mangiato ben peggio!

Vorrei sapere le vostre considerazioni e le vostre esperienze al riguardo e, se ci riusciamo, mettere in piedi una discussione su ciò che si mangia in un fast food e ciò che invece rappresenta, ovvero l'antitesi della filosofia "slow food" di cui invece sono fiero portavoce.

A voi.

Commenti

In effetti, anche se McDonald's non è il massimo in termini di gusto, certamente molti snack bar sono decisamente peggio!
Io ho un figlio che ha una fortissima allergia alle arachidi ed in generale alla frutta secca. Ne basta un frammento minuscolo, la semplice polvere o un olio che lo contenga e finisce in ospedale con un rischio di shock anafilattico.
Il punto è che in moltissimi locali faccio fatica a spiegare la cosa. Molti pensano che io sia semplicemente il solito fissato con l'olio di oliva e che l'allergia sia solo una scusa. Peggio ancora, molti non si rendono conto di quanti alimenti hanno dentro frutta da guscio e in molti olii di semi vari non è segnata la composizione esatta.
Altro problema è dato dal fatto che spesso si usano le stesse pentole o attrezzi o semplicemente si possono avere le mani sporche o con uno strofinaccio s'è pulito un tavolo su cui c'era in precedenza del croccantino.

McDonald's sotto questo aspetto è una garanzia. Proprio perché il fenomeno delle allergie è ormai planetariom, hanno adottato una linea produttiva che esclude quasi tutti i principali principi allergenici. Ovviamente lo fanno per non avere contenziosi, ma chi se ne frega? L'importante è che lo facciano.

Ecco il ridicolo. Mi sento più tranquillo portando mio figlio da McDonald's che non nella trattoria o nel ristorante, salvo che non siano posti dove siamo conosciuti. Forse da McDonald's gli verrà un foruncolo per i troppi grassi, ma risparmia lo shock da presenza non dichiarata di arachidi o nocciole.

Ovviamente il mio è un caso particolare, ma mi pareva utile lo stesso, alla discussione.

Scritto da:  fradefra   | 17.07.06 14:19
---------------------------------------

Così, di getto, mi viene da scrivere che i Fast-Food non si confanno per niente ai miei gusti. Se voglio mangiare veloce preferisco una classica pizza, o, ancor più celere, un panino con ingredienti "nostrani" (classici affettati, formaggi, etc.).

Detto questo, però, devo ammettere che i Fast-Food hanno una loro utilità, specie nelle grandi città. Sono tutti simili e, quindi, familiari. McDonald's, poi, è un'istituzione da questo punto di vista. Pur se è vero (come ricordato nell'articolo) che per ogni paese vi sono alcune varianti peculiari, è altrettanto vero che alcuni tratti caratteristici rimangono sempre identici e costanti, a prescindere dalla nazione. Ciò contribuisce a rendere McDonald's il rifugio ultimo per il turista spaesato, che va di fretta e "vuole andare sul sicuro" (= descrizione di una mia esperienza personale in quel di Budapest, diversi anni fa... :o)).

Dove abito io i Fast-Food sono pochi, anzi rari. Nei primi anni '80, quando ero un ragazzino (o, meglio, un bimbo), sull'onda della novità e della moda, furono aperti ben tre diversi Fast-Food. Il tempo ne ha decimati un paio. Quello rimasto non è un McDonald's e la differenza si nota: sia nella qualità del cibo, che nell'ambiente. Seppure non sia malaccio, sono anni che non vado in quel Fast-Food. L'ultima volta che ho mangiato in un Fast-Food è stato tre anni fa, durante una visita ad un grande Outlet (agglomerato pseudo-urbano che detesto... ma questo è un altro discorso che porta fuori tema).

Tirando le fila del discorso, per concludere, se dovessi proprio schierarmi mi posizionerei dalla parte dei "non amanti" del Fast-Food (in generale, senza riferimenti specifici a McDonald's). Non conoscendo molto l'ambiente Fast-Food, il mio giudizio e la mia posizione sono, d'altronde, assai parziali e senza grande cognizione di causa. Poiché, però, non sono un talebano del "mangiar sano", non disdegno, quando capita (e capita molto raramente), un hamburger consumato al Fast-Food.

P.S.: complimenti per l'articolo. L'ho trovato interessante e stimolante, in ogni senso... argomento azzeccato! :O)

Tra l'altro, il contenuto e lo stile di scrittura dell'articolo, secondo me, potrebbero rappresentare un modello perfetto per rispondere al post di Francesco de Francesco (Scrivere per un blog non è come scrivere per un sito - http://blog.html.it/11/07/2006/scrivere-per-un-blog-non-e-come-scrivere-per-un-sito/ ). Lì si discuteva sulle “regole” da adottare affinché un blog possa stimolare la discussione e, quindi, i commenti degli avventori. Ebbene, questo articolo lo trovo appropriato e mi ha stimolato una risposta. Ma anche questo è un altro discorso che ci porta lontano dal tema trattato.

Scritto da:  aletor   | 17.07.06 18:02
---------------------------------------

@aletor: grazie per i complimenti, sono contento che l'articolo sia piaciuto.

In effetti la questione relativa ai fast-food vede spesso due "squadre" con pensieri contrastanti.

A chi non ne vuole sapere di mangiare in quel modo si contrappone chi, invece, ne apprezza non solo il cibo ma soprattutto l'ambiente e ciò che rappresenta.

Certo, è vero anche che per il turista-fai-da-te spaesato è un luogo quasi sicuro!

Scritto da:  shiftzero   | 18.07.06 13:13
---------------------------------------

Si potrebbe dire che... il Fast-Food divide le masse! :o)

Ho notato che solitamente piace ai bambini, che finiscono immancabilmente per costringere i genitori recalcitranti a portarli a mangiare un hamburger.

Del resto, basta guardare le pubblicità di McDonald's: fanno molto leva sul target giovanile (soprattutto dei bambini più piccoli).

Probabilmente è anche per questo che l'ambiente è curato e studiato per essere a misura (anche) di bambino.

Scritto da:  aletor   | 18.07.06 16:18
---------------------------------------

Complimenti per l'articolo.

Io credo che sia shiftzero sia aletur hanno detto cose sacrosante. A prescindere dall'essere o meno favorevoli ai Fast-foods ritengo che siano un punto di aggregazione familiare e di ritrovo per tanti giovanissimi.

Oltre essere, nel caso specifico di McDonald, un esempio di marketing.

Elisa di Caserta

Scritto da:  Elisa   | 19.07.06 10:26
---------------------------------------

Naaaaaaa. Oggi siamo andati a mangiare nel McDonald's di Viale Certosa a Milano. C'erano in corso dei lavori. Non ci crederete, ma stanno cambiando gli interni.
Tutto marrone scuro, grandi volti e comunicazione tipo promozionale. Commentavamo che sembrava molto più rivolto agli adulti che ai giovani o ai bambini.

Beh, spero che l'impressione non sia confermata. Mi parrebbe una sorta di suicidio!

Scritto da:  fradefra   | 19.07.06 16:13
---------------------------------------

Vorrei segnalare che è possibile visitare le cucine di McDonald's semplicemente richiedendolo alla cassa.

Un incaricato vi mostrerà come vengono cucinati i panini, le patatine e quant'altro. Io ho provato e sono stato accolto molto bene, questo è marketing :)

Scritto da:  Mauro   | 30.08.06 15:14
---------------------------------------

@Mauro
Sì, anche io la penso così. A Milano (ed anche in altre città, ho avuto modo di notare), sono diversi i ristoranti che mettono le cucine a vista.

Scritto da:  fradefra   | 31.08.06 06:53
---------------------------------------

ciao!!
nn riesco a credere che si possa ritenere GIUSTA l'esistenza dei mcdonanld's...
le ragioni, sono tante e ovvie, ma il mio parere è soggettivo forse, quindi lascio che ve ne facciate uno indipendentemente dal mio.
vi invito tutti a guardare il film/documentario
"supersize me".
buona visione e... ci risentiamo presto!
anna (ba)

Scritto da:  diabolikann   | 08.03.07 10:38
---------------------------------------

Da qualche giorno lavoro al mc donald's e sul mio blog ho intrapreso un'avventura: Far conoscere a tutti lo schifo del Mc attraverso i miei occhi.

Scritto da:  tetsu   | 05.12.07 00:17
---------------------------------------

mah, a me supersize me, ha fatto voglia di mangiarmi un bel BigMac...infatti l'ho visto la domenica, e il lunedì a pranzo ero in McDonald's...

Scritto da:  teschio   | 12.04.08 11:59
---------------------------------------

Ciao Teschio, benvenuto.
MacDonald's piace molto anche me e non riesco sempre a vincere la tentazione di entrarvi.

Scritto da:  fradefra   | 13.04.08 13:19
---------------------------------------

Penso sia triste essere a favore di MC D. e "affini" perche ritenuti luogo d'incontro e fonte di gioia x le famiglie.Riflettendo ,pensando pochi secondi alle innumerevoli atroci realta che stanno dietro a questi fast food ci si rende conto di quanto realmente sarebbe doveroso non usufruirne piu .a patto ovviamente che sia presente un minimo di interesse verso varie problematiche quali la fame di molte genti nel mondo,i maltrattamenti agli animali da macello ed "il cibo-veleno" che tanto piace mangiare venduto nei fast food.

Scritto da:  Simona   | 05.11.08 18:07
---------------------------------------

Ma perchè demonizzare i fast food? io sono madre di famiglia, libera professionista e sommelier per passione. Quindi a onor di logica dovrei preferire lo slow food di qualità rispetto a un bel hamburger patatine e cocacola (tot. circa 800 kcal). Eppure lo ammetto una volta ogni tanto ( e mi riferisco a non più di una volta al mese o forse due) prendo i miei tre figli e ce ne andiamo a ''svaccare'' al fast food.. ahhh che soddisfazione per la libido papillare.. un vero e proprio peccato di gola! E perchè mai dovrei privarmene una volta ogni tanto? per le calorie? anche al ristorante non ne accumuli meno in un solo pasto.. per l'igiene? meglio non entrare in tante cucine di ristoranti anche blasonati.. per la salute del tuo fegato? beh signori... come in tutte le cose ci vuole buon senso, anche molti piatti considerati ottima cucina mediterranea sarebbe preferibile evitarli per il nostro caro amico fegato.. per la cellulite? tanto quella se te deve venì te viene lo stesso.. e allora fate godere i vostri figli con un bel 'sano' pasto fast food.. per quelle tre/quattro volte l'anno non ci rimettono certo la salute, ma ci guadagnano sicuramente in buon umore già solo per il fatto di mangiare le patatine con le mani e non con forchetta e coltello al ristorante!!!

Scritto da:  NeferLuna   | 03.11.11 18:01
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter