Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Enogastronomia e fatti personali

scritto da fradefra

Ci pensavo stasera, dopo aver letto Ora gli Ziliani in Rete sono due e Dedo = Cento di Tombolini, che leggo da anni in giro sul Web. Su maisazi.com posso ogni tanto scrivere di fatti e cose personali o devo trattare solo di vino, ricette, ristoranti e simili?

Il ferro da stiro, sì, stavo stirando, andava avanti e indietro come la mia mente ed immaginavo tanti post senza null’altro che degustazioni asettiche e locali dove non succedeva niente se non l’assaggio dei piatti.

Ho deciso. Sì, sul blog ogni tanto, quando mi andrà, scriverò qualcosa di personale. Penso infatti che ognuno di noi abbia un’anima e che chi ci legge non vuole solo sentirsi raccontare quanto è bella quell’etichetta o quanto è buono quel vino.

E tanto per iniziare (a parte che già sapete che stiro), ho due figli. Lorenzo di 10 anni e Roberta di 5. Il primo non gradisce molto le mie strane insalate, la seconda la sera vuol andare a fare visual-shopping, che sarebbe vedere le vetrine in corso Buenos Aires.
Entrambi amano cucinare, come me, e tagliare. Qualunque cosa, pur di avere un coltello in mano.
Ecco, ho detto qualcosa di personale. Nel tempo, vi racconterò altro.

E voi? Che ne pensate? Solo post a tema col blog o un po’ di anima e di privato?


Tag: | | |

Commenti

Sì, sì sono d'accodo. Uno scritto senza l'anima non è un scritto! In un blog, io credo che si debba dare a chi legge delle emozioni, non solo informazioni. E per darle spesso si parte da se stessi, dalla propria eaperienza di vita, dalle proprie sensazioni e percezioni.

Scritto da:  copertina75   | 19.07.06 12:50
---------------------------------------

Ma siamo matti? nessuno legge con piacere solo post a tema. Il blog è bello perchè risulta il frutto di esperienze che hanno più del personale che del reportistico.

Quindi ben vengano i post dove si fa vedere che dietro un nick c'è sempre la persona che matura quanto scrive soprattutto da ciò che la circonda.

Scritto da:  Orlando   | 19.07.06 15:15
---------------------------------------

Mi associo ai pareri positivi e favorevoli.

Il bello di un blog, in fondo, è proprio la natura colloquiale ed un po' confidenziale.

Senza forzature, s'intende! Nel senso che l'autore (gli autori) del blog, come i frequentatori, non dovrebbero sentirsi obbligati a "raccontare di sé". SE ne hanno voglia e QUANDO ne hanno voglia, trovo interessante e divertente che possano aggiungere fatti di vita vissuta. Altrimenti, sai che barba!

Al limite, se proprio si vogliono distinguere gli ambiti, potrebbe essere interessante aggiungere un piccolo logo identificativo accanto a quegli articoli il cui contenuto è "prevalentemente (o, esclusivamente) non culinario-enogastronomico".

Anche negli articoli dal contenuto strettamente "culinario-enogastronomico", un pizzico di vita vissuta, che contenstualizzi il discorso, finisce per essere quell'elemento che fa la differenza e può far affezionare i lettori al blog. Quel “quid pluris” che invoglia a leggere il nuovo articolo, per scoprire qualcosa di chi racconta o per vedere il mondo come da lui percepito.

Ma, in fondo, mi pare che questo elemento sia già in gran parte presente nelle vostre ricette. Per fortuna, esse non si limitano ad un freddo elenco di ingredienti e composti da "amalgamare". Anzi, a me piace proprio quando aggiungete dettagli sul dove avete consumato un certo piatto, perché lo avete consumato, quando lo avete consumato, etc. Un esempio, che ricordo ancora (e che ho provato), è la ricetta dei "medaglioni dopo cinema": mi piacque il piatto (a base di filetto di manzo, arance, miele e cioccolata) e l'atmosfera intima che evocava... l'ho provato e l'ho gustato in compagnia, pensando proprio al "calore" che aveva saputo trasmettermi la NARRAZIONE della ricetta. Tra l'altro, avevo reso partecipi i miei commensali del rinvenimento della ricetta su internet. Lo spunto è piaciuto e ne abbiamo discusso, con loro e mia soddisfazione.

Insomma, una ricetta (specie in un blog) deve essere “NARRATA” e non solo freddamente “ENUNCIATA”.

Scritto da:  aletor   | 19.07.06 15:44
---------------------------------------

@Aletor
Grazie, quello che dici è proprio quello che vogliamo per maisazi.com Speriamo di fare sempre meglio, quindi :-)

Scritto da:  fradefra   | 19.07.06 15:57
---------------------------------------

Intanto mi pare siate già sulla buona strada... CONTINUATE "sempliecemente" così! BRAVI! :o)

[OT]
.
Unico appunto-consiglio: un sistema di notifica delle risposte ai commenti è possibile adottarlo?

Un'atra cosa che sarebbe utile ed interessante. Sopra alla finestra per scrivere il commento è scritto: "Commento: (puoi usare codice HTML)". Sarebbe utile (forse) aggiungere un link alle parole tra parentesi; link che rinvii ad una semplicissima e breve guida su come impostare il codice HTML per, ad esempio, il caratere grassetto, la sottolineatura ed il corsivo. Insomma poche cose, ma utili.

Si può far riferimento a questa pagina (http://www.w3.org/MarkUp/Guide/), ma mi pare poco utile (e "complicata") a chi vuol solo scrivere un commento. Forse, una miniguida personalizzata sarebbe più opportuna.
.
[/OT]

Scritto da:  aletor   | 20.07.06 11:20
---------------------------------------

@aletor - guida html
Sì, penso che si possa fare. Ci studio un attimo. Attualmente siamo presi con molte attività che stiamo organizzando, ma tento di inserire anche questa.

Per la notifica dei commenti, dovrei fare modifiche di un certo impegno e purtroppo tutte le persone del team ad oggi sono più redattori di contenuti che sviluppatori.
Un giorno probabilmente ci sarà uno sviluppatore ed allora sarà una delle prime cose da fare.

Scritto da:  fradefra   | 20.07.06 11:28
---------------------------------------

@ fradefra
~~~~~~~~~~~
Grazie per le risposte e le delucidazioni sugli impegni.

Attendo con PAZIENZA le modifiche... prima vengono sicuramente i contenuti culinari! :o)

Scritto da:  aletor   | 20.07.06 11:45
---------------------------------------

Io lo apprezzo molto, le cose migliori escono quando siamo noi stessi e agiamo senza condizionamenti, siamo esseri umani con tutti i pregi e i difetti, l'essere spontaneo è per me uno splendido pregio.

Scritto da:  MarcoTuscany   | 20.07.06 22:14
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter