Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Correlazione tra qualità dell'acqua e la cucina.

scritto da MarcoTuscany

Uno degli ingredienti principali di ogni ricetta e cucina è proprio l'acqua, anche se non se ne parla quasi mai, per questo motivo vorrei approfondire l'argomento e esaminare anche questo elemento cosi importante e dargli il giusto peso. In questo argomento mi rendo conto di essere un privilegiato, vivendo in un paesino dell'Appennino Toscano e godendo di una buona abbondanza di sorgenti dove l'acqua si può bere dappertutto senza problemi e anche l'acquedotto comunale, che viene comunque depurato con l'aggiunta di cloro, non ne avrebbe quasi alcun bisogno.

Quando si parla di cucina, specie se i ristoranti anche famosi che propongono le loro fantastiche ricette si trovano al centro di una città o comunque in zone non esattamente classificabili come dei paradisi di purezza, mi chiedo sempre, ma con che acqua avranno cucinato questi? Che acqua avranno usato per lavare l'insalata, magari non è che l'hanno inquinata invece di pulirla?

Non è un discorso da niente se ci pensate bene. Non crediate che per cucinare usino l'acqua minerale, a Firenze per esempio, la popolazione riceve nei tubi dell'acquedotto anche l'acqua dell'Arno. Depurata, ok , ma è pur sempre acqua di un fiume, che a guardarlo, specie nella stagione estiva, ti fa venire i brividi per ciò che ci vedi galleggiare.

Una riflessione che, direte voi, forse è un po' allarmante, ma anche se l'acqua si fa bollire per cucinare (non sempre) e la bollitura elimina almeno i problemi di batteri e di altra robina, resta il fatto che non ci sono solo quelli, per esempio metalli e varie altre cosucce rimangono.

Ok quindi, parliamo di ristoranti. Non sarebbe bello andare a cenare e potersi godere una buona portata senza questi pensieri? C'è qualche ristoratore che ci vuole dire che accorgimenti usa per usare una acqua almeno decente per il suo lavoro? Spero usino almeno qualche sistema di microfiltrazione.

Commenti

se penso all'acqua di certe zone, non dovremmo mai mangiare fuori casa...

Scritto da:  Gemma   | 24.07.06 17:37
---------------------------------------

Caro marcotuscany, beato te che sei così contento, perché invece io sono ancora alla ricerca di un lavoro che mi rende soddisfatta e gioiosa... c'ero andata vicino, ma non ci ho creduto fino in fondo...
Spero di riuscire a darmi una bella strigliata e rendermi più contenta...
Tutto ciò vista la gioiosa presentazione di te stesso...
Comunque... sono capitata in questo sito, perché alla ricerca di info. sulle pentole di rame, mi chiedevo se anche tu te ne occupi oppure no, visto che mi capita di venire in casentino e mi è venuto in mente che chissà magari da quell parti qualcuno ci potrebbe essere...
un saluto e buona vita,
chiara

Scritto da:  chiara   | 05.03.07 15:15
---------------------------------------

ciao, io di sicuro nn sono una ristoratice, ma sono un alunna di un istituto alberghiero; girando su internet non ho potuto far a meno di notare il tuo commento.
Trovandomi ben informata sulla questione ( in quanto è oggetto principale della mia tesina per l' esame di maturità) posso risponderti che al giorno d'oggi noi consumatori possiamo stare abbastanza tranquilli, dato che una qualsiasi attività ristorativa o almeno una qualsiasi attività che si occupi della somministrazione di cibi e bevande deve presentare un attestato sull'HACCP.
L'HACCP è un sistema di controllo sui punti critici di un impresa.. ovvero controlla appunto i pericoli di contaminazione microbiologica, chimica, fisica...come prima accennavi tu ( metalli, microbi, ''robina'').
Generalmente le ASL sono gli enti che si occupano di analizzare e verificare i luoghi di lavoro rendendoli idonei; quindi garantendo che vi siamo adeguati controlli e che l'impresa rispetti le norme sull'igiene e la pulizia ma soprattutto sulla qualità dei prodotti utilizzati.
E'legge e dovrebbe essere rispettata!
io sono del sud e purtroppo sappiamo benissimo la realtà che ci circonda, trovandoci spesso avanti chiari esempi di corruzione e nn rispetto delle norme!
Comunque io nn posso far altro che consigliarti di recarti in ristoranti che presentino in bella vista l'attestato di HACCP in modo da essere sicuro che anche l'acqua sia stata controllata e analizzata!
ciao.... CARLA!

Scritto da:  Carla   | 14.06.07 15:29
---------------------------------------

Grazie Carla per le informazioni e benvenuta sul blog :-)

Scritto da:  copertina75   | 14.06.07 16:46
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter