Vai alla home di maisazi.com, il blog enogastronomico.

Ecco a lei la sua Buta Stupa!

scritto da copertina75

Vi è mai capitato di non ordinare una bottiglia di vino al ristorante perché pensavate di non poterla bere tutta? A me e fradefra a volte capita, e in quei casi optiamo per i calici. Il problema è che la qualità dei vini portati in calice spesso scende.

sacchetti Buta Stupa

Ieri al Meeting di Tigullio Vino una simpatica espositrice mi ha raccontato di un’iniziativa che ho trovato molto simpatica. Il progetto Buta Stupa, che in piemontese significa “bottiglia stappata”.

I clienti dei ristoranti che aderiscono all’iniziativa si vedranno presentare insieme al conto la bottiglia consumata solo in parte, riattappata e simpaticamente confezionata . La potranno così finire di degustare comodamente a casa, i giorni seguenti, conservando un piacevole ricordo del locale.

I ristoratori hanno la possibilità, aderendo al progetto, di avere sia i tappi e i sacchetti per confezionare le bottiglie da consegnare, sia vari gaget da mettere in bellavista nel locale, dando modo ai clienti di capire fin da subito che avranno modo di usufrire di questo servizio.

Trovo che l’iniziativa, nata dal giornalista Sergio Miravalle nel 1999, sia uno dei molti modi che hanno i ristoratori per farsi apprezzare dai propri clienti e sicuramente anche per fidelizzarli.
Penso a Milano, ci sono tantissimi ristoranti, e la scelta tra i gusti e le etnie di provenienza certo non manca, ma allora perché si dovrebbe preferire uno all’altro che per il cibo qualitativamente equivale? La risposta, secondo me, sta nel servizio che offre e nella capacità di mantenerlo sempre ad un buon livello, cogliendo i gusti e le preferenze dei propri clienti e non avendo paura di innovarsi.

Commenti

Ciao copertina75, benvenuta :-)
Considerato che mi sono occupato di CRM (Customer Relationship Management) per molti anni, non posso che essere d'accordo, sulla necessità di fidelizzazione.

Scritto da:  fradefra   | 20.06.06 15:13
---------------------------------------

Mi sembra un'iniziativa simile a quella intrapresa per l'Olio d'Oliva Extravergine: il ristoratore stappava delle mini-bottiglie "monouso" che alla fine il cliente portava a casa -se non aveva utilizzato del tutto-.

Iniziativa lodevole visto che certe volte quelle stesse bottiglie tornano in paesi stranieri diffondendo ulteriormente l'Italian Style dell'arte culinaria!

Scritto da:  Orlando   | 20.06.06 19:25
---------------------------------------

Questa del ritorno nei paesi stranieri non l'avevo pensata :-)

Scritto da:  fradefra   | 20.06.06 21:02
---------------------------------------

Anch'io non l'avevo pensata!

Scritto da:  copertina75   | 21.06.06 20:49
---------------------------------------

Preciso che Buta Stupa significa bottiglia tappata con tappo di sughero (contrapposta al vino sfuso).
Bottiglia stappata si dice Buta distupà

Saluti
Andrea Bucci
TORINO

Scritto da:  Andrea Bucci   | 28.11.10 20:46
---------------------------------------
Inserisci un commento

(non verrà visualizzata)



Scuola di cucina maisazi
Via Scortegagna 12 - 36045 - Lonigo (VI)
P. IVA IT03441480245

In evidenza

Il Corso per Executive Chef per chi vuol aumentare le probabilità di successo del proprio ristorante, il Percorso Cuoco: 3 giorni al mese distribuiti sull'arco di quasi un anno, il Corso Cuochi Mensile ed il Corso cuochi di 5 giorni, sono i nostri corsi di cucina professionale per chi vuole avvicinarsi alla ristorazione. 9 ore giornaliere per imparare le tecniche di questo lavoro, con una giacca professionale in dotazione.

Nel Calendario dei Corsi di Cucina trovate gli altri corsi per cuochi e serali per appassionati.

Iscriviti alla newsletter
Info sulla newsletter